Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Castel Morrone. L'Amministrazione Comunale da l'ok all'alienazioni di alcuni terreni


Castel Morrone. L'Amministrazione Comunale da l'ok all'alienazioni di alcuni terreni
10/11/2011, 17:11

Castel Morrone : La maggioranza di Pietro Riello durante l’ultimo Consiglio Comunale tenutosi nella mattinata di mercoledì scorso, 9 novembre, ha dato l’ok per l’alienazione di alcuni appezzamenti di terreno di proprietà comunale. Infatti, come viene confermato dall’Ente Municipale, l’intera compagine di Rinascita Morronese, che fa capo al primo cittadino nonché Consigliere Provinciale Pietro Riello, in maniera decisa e compatta ha dapprima approvato la perizia di stima effettuata dall’Ufficio Tecnico Comunale per i terreni da sottoporre ad alienazione e ha poi dato il via libera all’alienazione. Sull’argomento in questione è intervenuto proprio il Sindaco Pietro Riello che ha precisato “l’atto approvato dalla maggioranza consiliare era ed è un atto dovuto per il ripiano del disavanzo comunale, un disavanzo comunale che vorrei ricordare ai meno informati ed a chi pur sapendo la verità dei fatti continua volutamente ad ignorarla, preparando dei “sermoni” da poi esternare a tutti, proviene da molto lontano. Ad aggravare la situazione – continua Pietro Riello – è intervenuta anche la faccenda Tributi Italia, di cui l’esito è noto a tutti, ed ecco che si è dovuti procedere con qualche alienazione. Alienazioni che comunque riguardano due fondi in PRG classificati il primo, quello di maggior valore economico, agricolo ed il secondo come area D2 destinata ad attività artigiane. Quindi – conclude il primo cittadino Pietro Riello – è inutile continuare ad affermare, in modo del tutto infondato e non veritiero, che il disavanzo è frutto di una gestione non oculata, forse è proprio il contrario, in quanto siamo stati audaci ad effettuare una vera ricognizione sulle casse dell’Ente ed ad effettuare degli stralci di crediti, oramai inesigibili, risalenti a tre - quattro amministrazioni fa. Se poi qualcuno crede, come va continuamente affermando, che ci sia qualche “pastrocchio” non deve far altro che adire alle autorità competenti, ma dev’essere cosciente che poi subirà anche la relativa onta consequenziale.”

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©