Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Castel Morrone, Teatro Comunale: l’Amministrazione ricorre alla “finanza di progetto”


Castel Morrone, Teatro Comunale: l’Amministrazione ricorre alla “finanza di progetto”
24/04/2012, 14:04

Castel Morrone : Si ritorna a parlare di Teatro Comunale e lo spunto viene dato dall’ultima seduta del civico consesso in cui l’Amministrazione di Pietro Riello ha approvato lo studio di fattibilità che prevede la possibilità di ricorrere alla cosiddetta finanza di progetto per completare l’opera già avviata. Uno studio di fattibilità che, come si afferma da Piazza Bronzetti, quantifica per sommi capi le opere da realizzare per il completamento della struttura di Via san Pietro, opere che data la situazione economica attuale non sono realizzabili se non facendo ricorso al project financing come afferma lo stesso primo cittadino Pietro Riello. “Non dobbiamo spaventarci davanti a queste nuove fonti di finanziamento, il project financing o finanza di progetto è una normale operazione finanziaria attraverso la quale la pubblica amministrazione realizza un’opera pubblica il cui onere finanziario è parzialmente o totalmente a carico di un soggetto privato, sulla base di un piano finanziario in grado di garantire l'autofinanziamento dell'operazione stessa, cosa questa sancita – afferma il Sindaco di Castel Morrone – dall’articolo 153 del Codice degli appalti. Quindi non dobbiamo stupirci di fronte a queste innovazioni, anzi dobbiamo guardare a queste nuove fonti di finanziamento con molta attenzione perché, vista la situazione economica globale, saranno sempre più utilizzate da tutte le amministrazioni pubbliche. Il completamento del Teatro Comunale – termina Pietro Riello – è un punto fondamentale del nostro programma amministrativo e quindi è anche normale che la compagine di governo profonda energie in tal senso, se poi tale risultato lo si riesce ad ottenere tramite uno strumento finanziario che non espone l’Ente in maniera diretta allora è ancora meglio.”

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©