Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Venticinque gli arresti dell’Arma, blitz in diverse regioni

Castel Volturno, sgominata una gang di narcotrafficanti

Operazione ‘Piazze Pulite’, sotto sequestro anche euro falsi

.

Castel Volturno, sgominata una gang di narcotrafficanti
24/05/2013, 10:58

CASTEL VOLTURNO - Venticinque persone, residenti in diverse città italiane, sono state arrestate nell’ambito di un’operazione antidroga coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli. Dodici degli indagati sono di origine africana, uno dell’Est Europa ed i restanti 12 sono italiani, tra cui una donna. Per 18 di questi si sono aperte le porte del carcere, mentre ad altri sette sono stati concessi invece gli arresti domiciliari. I destinatari del provvedimento cautelare, emesso dal gip partenopeo, sono accusati di associazione per delinquere finalizzata alla detenzione e allo spaccio di sostanze stupefacenti. Le ordinanze sono state eseguite dai carabinieri della compagnia di Santa Maria Capua Vetere a Caserta, Napoli, Salerno, Latina, Roma, Frosinone, Firenze, L’Aquila e Avellino. L’attività d’indagine, che è stata denominata “Piazze Pulite”, è stata avviata dai militari dell’Arma di Grazzanise nel gennaio 2012 nei confronti di un gruppo di persone specializzato, in particolare, nel traffico di cocaina ed eroina e inizialmente le investigazioni si sono concentrate sulle intercettazioni dell’utenza telefonica di uno degli indagati, che gestiva una piazza di spaccio a Castel Volturno. In seguito le attività tecniche dei carabinieri hanno permesso di ricostruire i traffici illeciti dell’intero gruppo criminale accertando 480 cessioni di sostanze stupefacenti. Le indagini hanno evidenziato che la droga veniva acquistata a Castel Volturno, trasportata da corrieri africani in svariati centri del territorio nazionale e consegnata a personaggi che provvedevano poi alla vendita al dettaglio. La banda, inoltre, comprava banconote false per immetterle sul mercato. Banconote che, come è stato accertato dall’Arma, in alcuni casi, sono state utilizzate per il pagamento della droga.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©