Provincia / Castellammare di Stabia

Commenta Stampa

Castellammare di Stabia, flash mob per riaprire le Antiche terme


Castellammare di Stabia, flash mob per riaprire le Antiche terme
14/10/2013, 15:55

CASTELLAMMARE DI STABIA - “Libera l’acqua, porta la tanica”: è lo slogan che gli aderenti a “Occupy terme” hanno coniato per lanciare il flash mob in programma sabato 19 ottobre alle 10.30 all’esterno del complesso della Antiche terme di Castellammare di Stabia. L’iniziativa punta, con pedalate collettive, la musica di Tony Cercola, i Batacoto e tanti bambini, ad accendere l'attenzione sulle fonti delle Antiche terme, ristrutturate un anno fa e aperte per una serie di iniziative nell’estate 2012 prima di essere nuovamente chiuse, negando ai cittadini stabiesi anche la possibilità di rifornirsi di acqua. 
“L'acqua – dicono gli organizzatori del flash mob – anche quella minerale e termale, è di tutti. Per questo, è tempo di riprenderci quello che politiche ottuse e incapacità gestionali ci hanno tolto, è tempo di riappropriarci di quello che è già nostro: è tempo di riavere le nostre acque minerali, di poter nuovamente riempire le nostre taniche e le nostre bottiglie. Le Terme di Stabia appartengono al comune di Castellammare, e quindi sono nostre. Pretendiamo di vederle riaperte, pretendiamo di poterci andare a passeggiare e a curare con le acque”.
Il raduno dei partecipanti sabato è programmato alle 10.30 presso la cassa armonica della villa comunale stabiese: qui gli aderenti all’iniziativa si recheranno davanti ai cancelli della restaurata struttura di piazzale Amendola.
La richiesta degli organizzatori di Occupy terme è di partecipare al flash mob con taniche e bottiglie.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©