Provincia / Castellammare di Stabia

Commenta Stampa

Castellammare, intasato il deposito dei rifiuti ingombranti di via Fondo D’orto


Castellammare, intasato il deposito dei rifiuti ingombranti di via Fondo D’orto
15/12/2009, 08:12


CASTELLAMMARE DI STABIA - Cittadini sul piede di guerra per l’eccessivo “intasamento” del deposito comunale di stoccaggio dei rifiuti ingombranti sito in Via Fondo D’Orto. In particolare, a scatenare le lamentele dei cittadini sarebbero i continui depositi di rifiuti ingombranti operati da soggetti residenti negli altri comuni dell’iterland. «Una consuetudine che – a sentire i residenti - durerebbe da un bel po’ di tempo e che avrebbe prodotto un eccessivo “intasamento” del sito di stoccaggio. Persone non residenti in città – aggiungono - e che quindi non pagano i relativi tributi comunali approfittano del sito di stoccaggio stabiese per depositare i loro rifiuti ingombranti». Al fianco dei cittadini è intervenuto Antonio Sicignano, consigliere comunale del Pdl e vicepresidente dei Circoli della Libertà della Campania, che nei giorni scorsi ha presentato una interrogazione al Sindaco per sapere: “se è a conoscenza della situazione denunciata dai cittadini, quali iniziative ritiene opportuno adottare per evitare che nel luogo citato depositino i rifiuti anche residenti in altri comuni e se all’atto del deposito viene operato un controllo approfondito da parte degli operatori della Multiservizi”.
«La macchina per la raccolta dei rifiuti stebiese – spiega Sicignano – è già, di per sé, precaria e claudicante e se ci si mettono anche i residenti degli altri comuni, con i loro rifiuti, rischia di ingolfarsi notevolmente. E’ necessario che gli addetti del settore adoperino un controllo rigoroso per evitare che la situazione degeneri. E’ necessario realizzare un coordinamento con gli altri comuni dell’interland, al fine di predisporre un protocollo di intesa sui rifiuti, con misure coordinate e armonizzate tese a risolvere comunemente il problema». Intanto, la situazione potrebbe trovare una soluzione. «Nella risposta alla mia interrogazione – conclude Sicignano - ho avuto dall’assessore all’ambiente la promessa di un impegno concreto alla risoluzione del problema. Nei prossimi giorni verrà valutata la possibilità di predisporre un sistema che permetta di depositare i rifiuti solo dietro il rilascio di un documento e di una bolletta pagata della TARSU».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©