Provincia / Castellammare di Stabia

Commenta Stampa

Castellammare. Sicignano lancia tre proposte "contro la camorra”


Castellammare. Sicignano  lancia tre proposte 'contro la camorra”
10/09/2012, 12:45

Il consigliere comunale, nonché responsabile regionale di Fli per la “sicurezza, legalità e lotta alla camorra”, Antonio Sicignano, lancia tre proposte contro la camorra”

CASTELLAMMARE DI STABIA (NAPOLI) 10 sett 2012 – Non è solo Scampia a far temere l' esistenza di una nuova faida di camorra. A preoccupare il napoletano è anche Castellamare di Stabia, città in provincia di Napoli, dove solo alcuni giorni or sono si è consumato l’ennesimo omicidio di camorra.

Pertanto, a lanciare un appello affinché anche la politica faccia la sua parte contro la camorra è il consigliere di opposizione Antonio Sicignano, rappresentante del dipartimento “legalità, sicurezza e lotta alla camorra” di Fli Campania.

Nel fare ciò il consigliere finiano ha ripreso gli appelli già lanciati sul tema da sua eccellenza Mons. Alfano, vescovo della diocesi Castellammare Sorrento, che ha chiesto alla città di manifestare unità e coraggio contro la camorra, e dal presidente Nicola Russo, illustre magistrato stabiese del Tribunale di Napoli, il quale ha esortato maggioranza ed opposizione a confrontarsi su cosa serve davvero a Castellammare.

«Si tratta di appelli sicuramente lungimiranti e perspicaci – spiega Sicignano - che si segnalano non solo per l’autorevolezza dei promotori, ma soprattutto per il merito e la finalità delle questioni proposte, che chi scrive condivide in pieno. Pertanto, trovare un terreno comune su fenomeni di contrasto alle organizzazioni criminali è – aggiunge - non solo sacrosanto, ma addirittura doveroso».

«Ebbene, noi siamo disponibili ad intraprendere sul punto un discorso serio e, se la maggioranza, o parte di essa, volesse intraprendere con noi un medesimo ragionamento, troverà la nostra porta non solo aperta, ma addirittura spalancata. Le nostre proposte sul tema sono note da tempo. Sono tre: 1. istituzione di una associazione antiracket; 2. allontanare dalla politica chi ha avuto rapporti, anche solo amicali, con esponenti della malavita; 3. istituire una commissione consiliare anticamorra, tale da monitorare, con l’ausilio della magistratura e delle forze dell’ordine, l’escalation malavitosa nella società, anche al fine di trovare soluzioni politiche da apprestare».

«Si tratta di proposte precise, dettagliate e sicuramente non lunatiche. Così come si è dimostrata, d’altronde, - è bene ricordarlo - la proposta di adottare una ordinanza contro i parcheggiatori abusivi, che proponemmo all’Amministrazione Comaunel in data 28.8.2010 e che il sindaco adottò nei primi giorni di settembre 2010, proposta che tanto bene ha fatto alla città. Orbene, è ora che anche a Castellammare la politica faccia la sua parte sull’argomento. Anche perché, al di là della comune ipocrisia, occorre ricordare che l’esperienza insegna che, dove c’è la camorra, convive purtroppo un inquinamento della vita democratica, essendo alto il rischio di condizionamenti del voto, specie se amministrativo».

«Pertanto – chiede Sicignano - c’è qualcuno che nella politica stabiese è disposto a sottoscrivere le nostre tre proposte, su cui insistiamo da oltre un anno, senza mai ricevere un segno? c’è qualcuno che, oltre noi, vuole che in città operi una associazione antiracket? c’è qualcuno che, oltre noi, vuole allontanare dalla politica locale chi ha avuto rapporti anche amicali con esponenti della malavita? c’è qualcuno che vuole studiare il fenomeno malavitoso locale con una commissione consiliare? »

«Bene, - conclude - se c’è qualcuno che vuole attuare queste iniziative, non deve fare altro che contattarci, troverà proposta già scritte, studiate ed elaborate dettagliatamente. L’impressione tuttavia è che quelli che ci contatteranno saranno ben pochi, e ciò dimostra che forse a Castellammare - e nel dire ciò non voglio alimentare polemiche politiche, non riferendomi a precise persone - la camorra è molto più penetrante di quello che sembra».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©