Provincia / Napoli

Commenta Stampa

Centenario della visita a Pompei di Le Corbuiser


Centenario della visita a Pompei di Le Corbuiser
14/10/2011, 10:10

Centenario della visita del celebre architetto contemporaneo Le Corbuiser a Pompei, la Pro Loco lo celebra con una retrospettiva collocata in alcuni alberghi cittadini e la presentazione del libro “Pompei 1911, Le Corbusier e l’origine della casa”. Scritto dall’architetto pompeiano Alfonso Mattia Berritto, pubblicato dalla casa editrice Clean, il testo sarà presentato venerdi 14 ottobre alle ore 18,00 nell’aula consiliare cittadina. A patrocinare l’iniziativa il Comune di Pompei. Sarà infatti il sindaco Claudio D’Alessio, con i saluti della città ad aprire la conversazione che sarà moderata dal giornalista de Il Mattino Agostino Ingenito e con il coinvolgimento del professore Cherubino Gambardella, docente di progettazione architettonica della Facoltà di Architettura Vanvitelli della Seconda Università, di Giovanni Cosenza della casa editrice Clean e naturalmente con l’autore, ricercatore in progettazione architettonica ed urbara alla Sun. Alla fine del XX secolo, molti intellettuali intrapresero un meraviglioso viaggio nei luoghi della cultura classica in seguito alle grandi scoperte archeologiche che avevano destato grande ammirazione nel mondo intero. Il fenomeno prese il nome di Gran Tour ed interessò un vasto pubblico di uomini di cultura dell’epoca, alcuni già famosi altri invece alle loro prime esperienze nel nell’arte e nella cultura. Le mete preferite furono soprattutto i paesi della Grecia e della Magna Grecia. Pompei, già famosa, assieme ad Ercolano, era una delle tappe preferite da questi viaggiatori che attraverso scritti, testimonianze, pitture e varie riproduzioni contribuiranno a rendere omaggio a queste località.
Una delle maggiori testimonianze fu quella del famoso architetto Charles-Edouard Jeanneret-Gris detto Le Corbusier, il grande maestro dell’Architettura Moderna. Quest’anno ricorre il centenario della sua visita a Pompei. Infatti nel novembre del 1911 egli fece una sosta nella nostra città ove sostò per alcuni giorni presso l’Hotel del Sole (andato poi distrutto completamente in seguito ai bombardamenti del ’44). Da questa visita il Maestro ricavò una serie di schizzi a mano che saranno poi motivi di ispirazione poetica nel corso della sua lunga carriera di architetto. Durante la presentazione previsti anche alcuni momenti recitanti con il coordinamento artistico di Olimpia Grimaldi e Maria Rosa Avitabile.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©