Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

La sigla sindacale in campo per i disagi economici in città

Cisl Quarto: “Un accordo per la rateizzazione delle bollette”

Il sindaco: "Non è un atto esclusivo del Comune di Quarto"

Cisl Quarto: “Un accordo per la rateizzazione delle bollette”
14/12/2011, 14:12

QUARTO (NA) - “Ritenendo necessario un coordinamento per fronteggiare le più urgenti problematiche che si stanno riversando sulla città di Quarto, anche dopo la lettura della nuova finanziaria governativa, c’è il vivo bisogno di assumersi l’onere della cittadinanza civile. Sindacati ed associazioni devono aprire un confronto su come contrapporre i disagi economici (Tarsu – Imu- accise) e di mobilità nella nostra città” scrive Alfonso Coppola, responsabile Cisl Quarto, che ancora una volta scende in campo per discutere delle addizionali comunali e dei problemi dei trasporti nella cittadina flegrea. Negli ultimi giorni, infatti, i cittadini si stanno lamentando per l’aumento dell’accisa sull’energia elettrica, che va a copertura del servizio integrato dei rifiuti. Ma non sono poi migliori le condizioni sul fronte della mobilità: il rischio, infatti, è che Quarto possa essere isolata a causa della riduzione delle corse della circumflegrea.
“Agli amici – si legge nell’appello lanciato dalla sigla sindacale quartese- che svolgono attività nelle parrocchie e alle varie associazioni sul territorio richiedo una loro partecipazione anche con i loro associati e gli stessi parroci ad un confronto su come affrontare queste due tematiche”. Intanto la sigla sindacale preannuncia un accordo con l’Enel per “il rateizzo del << bollettone>> in arrivo ai cittadini di Quarto, sempre che siano in regola con il pagamento delle bollette arretrate e con modalità di <<mensilizzazione>> da costruire per ognuno rispetto al plus di cifra da erogare. Il tutto avverrà presso gli sportelli Enel di Monterusciello”.
<<Tale aumento del 200% non è stato un atto “esclusivo” del Comune di Quarto ma condiviso da altri Comuni della Campania per sostenere i costi dovuti anche alle emergenze rifiuti degli anni scorsi. Del suddetto 200%, una parte (il 100%) era obbligatorio e già previsto, in quanto il Comune di Quarto aveva contratto un debito di circa 2,5 mln di euro con il Commissariato Emergenza Rifiuti per gli anni 2005-2006-2007, da saldare in quattro anni (dal 2008 al 2011) mediante trattenuta dei trasferimenti erariali di circa 600mila euro annui>> precisa il sindaco Massimo Carandente Giarrusso.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©