Provincia / Caserta

Commenta Stampa

In relazione a 7 omicidi avvenuti nel Casertano nel 2008

Clan Casalesi, l’ex killer Setola condannato all’ergastolo

Stessa pena 3 complici, chiuso cerchio su stagione stragi

.

Clan Casalesi, l’ex killer Setola condannato all’ergastolo
10/07/2013, 11:20

CASAL DI PRINCIPE - L’ex capo dell’ala stragista del clan dei Casalesi, Giuseppe Setola, alias ‘o cecato, è stato condannato all’ergastolo per sette omicidi compiuti nel 2008. Con Setola, legato alla fazione dei bidognettiani del cartello criminale, sono stati condannati alla stessa pena altri tre appartenenti alla cosca di Casal di Principe; ovvero, Davide Granato, Giovanni Letizia e Alessandro Cirillo. La sentenza, emessa dalla seconda sezione penale della Corte di Assise di Santa Maria Capua Vetere, chiude parzialmente il cerchio sulla scia di sangue iniziata dopo la fuga di Setola, il 19 aprile 2008, dalla clinica di Pavia in cui era stato ricoverato per presunti problemi di vista. In particolare, nel processo di primo grado che si è appena concluso, è stata riconosciuta la responsabilità dell’ala stragista dei Casalesi, guidata da Setola, come richiesto nel corso della requisitoria dal pm della Dda di Napoli, Cesare Sirignano, per gli omicidi di Umberto Bidognetti (2 maggio), padre del collaboratore di giustizia Domenico Bidognetti (cugino, a sua volta, del boss Cicciotto e' Mezzanotte), dei tre albanesi Ziber Dani, Arthur Kazani e Doda Ramis (i primi due uccisi il 5 agosto, il terzo il 21 agosto), dell’impiegato dell’agenzia di pompe funebri di Giugliano, poi risultato vittima innocente, Lorenzo Riccio (2 ottobre), del titolare di una sala giochi di Castel Volturno Antonio Celiento (18 settembre), ammazzato poco prima dei sei ghanesi, e di Stanislao Cantelli (5 ottobre), zio di due collaboratori di giustizia, ucciso in un circolo ricreativo di Casal di Principe.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©