Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Era sfuggito alla maxi-operazione dello scorso 22 aprile

Clan, scommesse illegali: arrestato affiliato ai Casalesi

Rintracciato dall’Arma, è stato sottoposto ai domiciliari

.

Clan, scommesse illegali: arrestato affiliato ai Casalesi
27/05/2013, 11:40

VILLA LITERNO - Per conto delle fazioni Zagaria, Iovine e Venosa del clan dei Casalesi, guidava il business delle scommesse illegali nell’hinterland aversano, a Giugliano, in provincia di Napoli, ed in altri comuni limitrofi: i carabinieri di Villa Literno, a conclusione di una complessa attività investigativa, hanno rintracciato, arrestato e messo ai domiciliari Federico Catena, 28 anni, accusato di associazione a delinquere di tipo mafioso, aggravata dall’aver agevolato il cartello criminale dei Casalesi. Catena sfuggì all’arresto lo scorso 22 aprile, nel corso di una maxi-operazione condotta dai carabinieri del Ros di Napoli, durante la quale furono notificati provvedimenti di custodia cautelare a venti indagati; da allora il 28enne si era reso irreperibile. Le indagini condotte dal Ros, e coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, hanno disvelato un complesso ed articolato sistema che consentiva all’organizzazione criminale di raccogliere scommesse su incontri di calcio, utilizzando piattaforme informatiche illegali “on line”, mutuate da quelle attive nei concessionari autorizzati dall’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato. Documentata anche la manipolazione della visualizzazione di alcuni eventi sportivi, sulle piattaforme informatiche illegali, per orientare in modo fraudolento le vincite, ai danni di ignari scommettitori. Oltre agli arresti, i carabinieri del Ros hanno sequestrato anche beni per un valore complessivo che supera i tre milioni di euro.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©