Provincia / Salerno

Commenta Stampa

Commissione anticamorra: audizione Sindaci Capaccio-Trentira

Presidente Valiante: Sviluppo per contrasto criminalità

Commissione anticamorra: audizione Sindaci Capaccio-Trentira
07/06/2013, 16:23

SALERNO - Stamani la Commissione di Inchiesta Anticamorra, per la vigilanza e la difesa contro la criminalità organizzata, presieduta da Gianfranco Valiante (Pd), ha tenuto un’audizione con i Sindaci dei Comuni di Capaccio e Trentinara nell’aula consiliare del Comune di Capaccio (SA), in via fratelli Arenella (ex Pretura).

“La Commissione Anticamorrasta proseguendo negli incontri con gli amministratori locali in tutti i Comuni del territorio regionale al fine di conoscere direttamente le diverse problematiche legate alla criminalità organizzata e di porre in essere strategia politico-istituzionale mirata non solo al rafforzamento della prevenzione e del contrasto dei fenomeni criminali, ma soprattutto allo sviluppo sociale ed economico, ciascuno secondo le proprie vocazioni, dei territori perché gli strumenti fondamentali per il contrasto alla criminalità sono lo sviluppo dell’economia, il lavoro, la crescita sociale ed economica”- ha detto il presidente Gianfranco Valiante.

All’incontro hanno preso parte numerosi amministratori che hanno dato il proprio contribuito per esaminare le diverse problematiche legate all’ordine pubblico e alle possibili ingerenze della criminalità organizzata nelle pubbliche amministrazioni e a fare emergere le possibili risposte, tra cui l’incremento dell’organico delle forze dell’ordine e della polizia municipale al fine di favorire un maggior controllo del territorio e la dotazione di strumenti di videosorveglianza, anche attraverso l’impiego delle risorse comunitarie destinate a tali scopi.

Inoltre, la Commissione si è soffermata particolarmente sulla la necessità di  porre in essere azioni e strumenti per lo sviluppo del territorio e per la crescita occupazionale anche al fine di prevenire fenomeni delinquenziali giovanili, come lo spaccio di sostanze stupefacenti. 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©