Provincia / Napoli

Commenta Stampa

Concorso al Comune di Napoli: è nato il Comitato Vincitori ed Idonei


Concorso al Comune di Napoli: è nato il Comitato Vincitori ed Idonei
11/01/2011, 14:01

Napoli, 11 gennaio 2011 - Il Comitato è in cerca di adesioni ed i membri sono pronti ad offrirsi anche come volontari al servizio del Comune e della città di Napoli. L’articolo 4 della Costituzione italiana recita: “la Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto”. Una norma fondamentale del nostro ordinamento giuridico alla quale si saranno probabilmente ispirati un gruppo di giovani vincitori ed idonei ad un recente concorso bandito dal Comune di Napoli. Se il lavoro è, infatti, un diritto tutelato dalla legge, non sempre questa è sufficiente a farlo rispettare, ma c’è bisogno di scendere “in campo in prima persona”. Questo avranno pensato i concorsisti, che dopo una lunga preparazione ed un esame superato, si sentono in dovere di difendere ciò che hanno conquistato, senza accusare o recriminare, ma solo chiedendo trasparenza e giustizia. Il Comitato Vincitori ed Idonei al Concorso al Comune di Napoli si ispira proprio a questa filosofia. Non siamo, di fatto, di fronte al solito comitato di “protesta”, ma davanti ad un gruppo di giovani che “seguono le regole” e chiedono alle istituzioni, adottando uno spirito totalmente collaborativo, solo di occupare un “posto” che si sono guadagnati. Leggendo l’atto costitutivo del comitato appare, infatti, immediato il suo significato più profondo che è quello di “fare gruppo”, creando una rete collaborativa tra tutti i soggetti interessati, per poi potersi rivolgere in maniera compatta alle istituzioni. Questo il significato del Comitato Vincitori ed Idonei al Concorso al Comune di Napoli costituitosi, appunto, per dar vita ad un organo ufficiale che sia in grado di rappresentare, in maniera compatta e univoca, i concorsisti dinnanzi alle istituzioni, specialmente di fronte a quelle direttamente incaricate della tutela dei diritti in questione. Non a caso tra i punti fondamentali dell’atto costitutivo del Comitato c’è, appunto, quello di “assumere iniziative nei confronti di tutti gli Organi Istituzionali, in particolar modo quelli direttamente preposti alla tutela dei diritti coinvolti…ottenendo l’appoggio e la collaborazione dei sindacati maggiormente rappresentativi, come ulteriori garanti delle posizioni soggettive acquisite dai membri del comitato”. A questo fondamentale punto si associa quello, altrettanto importante, di “operare con ogni mezzo legittimo per informare, coinvolgere e mobilitare l’opinione pubblica al fine di tutelare l’assunzione al lavoro sia dei vincitori del concorso sia degli idonei non vincitori, favorendo lo scorrimento delle graduatorie”. Degli obiettivi importanti che il comitato è sicuro di poter portare avanti solo attraverso la partecipazione di tutti i giovani che hanno preso parte al concorso e che, come i fondatori, si sentono in dovere di essere presenti alle istituzioni, cooperando con queste per favorire, in tempi ristretti, l’inserimento lavorativo sia dei vincitori che degli idonei. Oltre ai contatti ufficiali, è stato creato anche un gruppo Facebook (Comitato Vincitori ed Idonei del Concorso al Comune di Napoli) al quale è possibile iscriversi per avere maggiori informazioni su chi è e cosa fa il Comitato. In attesa delle adesioni di tutti i partecipanti, il Comitato ha già mosso i primi passi incontrando i sindacati e cercando di sollevare l’attenzione della stampa e dell’opinione pubblica sul suo operato, senza dimenticare di “tendere la mano” alle istituzioni comunali. Sì, perché la voglia di lavorare di questi giovani è davvero tanta ed è per questo che dal comitato fanno sapere che, di fronte ad un eventuale proposta di stage o volontariato temporaneo, non si tirerebbero indietro e questo appunto per dimostrare che non c’è “voglia” di creare polemiche, ma solo di lavorare in sinergia per il bene comune e, dunque, al servizio della città.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©