Provincia / Torre Annunziata

Commenta Stampa

Centinaia di persone identificate, 22 pregiudicati fermati

Controlli dei carabinieri sui treni della Circumvesuviana


.

Controlli dei carabinieri sui treni della Circumvesuviana
19/07/2010, 14:07

TORRE ANNUNZIATA- E’ stata una domenica di controlli, quella appena trascorsa, per garantire la sicurezza dei passeggeri sui treni della Circumvesuviana.
I carabinieri di Torre Annunziata, agli ordini del capitano Luca Toti e del capitano Francesco Panebianco, hanno, infatti, effettuato una serie di perquisizioni sui convogli tra Napoli e Sorrento che, come di consueto, nel week end, sono particolarmente affollati.
I controlli dei militari sono stati finalizzati soprattutto ad evitare piccoli furti, episodi di vandalismo e risse.
Nella mattinata di ieri, sono state identificate circa 300 persone, sottoposte ad accertamenti. Tra queste, 22 pregiudicati che viaggiavano sui treni della Circum dirigendosi in costiera per trascorrere una giornata al mare. Decine le perquisizioni effettuate dai carabinieri. Emessi anche quattro fogli di via obbligatorio nei confronti di individui giudicati sospetti. L’attenzione dei militari si è concentrata soprattutto sui bagnanti, alla ricerca di eventuali ritrovamenti di dosi di droga. Ieri non sono stati ritrovati stupefacenti a bordo dei convogli controllati ma le verifiche dei militari in questo senso, proseguiranno anche nelle prossime settimane poiché, in passato, anche i treni della circumvesuviana, in  particolare nei pressi della stazione di Torre Annunziata, sono stati crocevia dello spaccio di droga. La task force dei carabinieri ha, comunque, portato a un risultato positivo: nello scorso fine settimana, è aumentata la percentuale di viaggiatori muniti di biglietto.
La presenza degli uomini in divisa, dunque, ha scoraggiato, i tanti passeggeri che, ogni giorno, viaggiano gratis o sono trovati senza il regolare ticket. Intanto, l’operazione dei carabinieri oplontini, è stata accolta con favore dai passeggeri e dai turisti stranieri che, in questo modo, si sentono maggiormente sicuri

Commenta Stampa
di Elisa Scarfogliero
Riproduzione riservata ©