Provincia / Napoli

Commenta Stampa

Coppa America, Cesaro: “evitare i carrozzoni e gli sperperi”


Coppa America, Cesaro: “evitare i carrozzoni e gli sperperi”
10/06/2011, 13:06

"Napoli ha senz’altro bisogno di un grande evento che la rilanci. La Coppa America capita a proposito". E’ quanto pensa il Presidente della Provincia di Napoli, Luigi Cesaro, intervenendo nel dibattito che si è aperto sulla possibilità di portare due regate della Coppa America all’ombra del Vesuvio.

“La Coppa America - ha detto il Presidente Cesaro - è un evento che ben si adatta a poter promozionare l’immagine di una Napoli moderna ed efficiente agli occhi del mondo. Ma non può essere utilizzata solo a tal fine. Non possiamo rischiare di creare carrozzoni che una volta finiti e svuotati si traducono in macerie per l’economia ed il territorio. Cosa diversa è se grazie ad appuntamenti come questo si trova l’occasione per operare sul territorio con interventi ed infrastrutture fruibili anche successivamente. Recentemente, nel corso di convegni di settore e di rassegne specializzate – ha aggiunto Cesaro – è stata messa a fuoco la necessità di dotare le nostre coste di marine attrezzate: ebbene se per tale evento scaturisse la necessità di intervenire con la creazione di piccoli – medi porticcioli turistici dalla zona flegrea al litorale vesuviano passando per Mergellina, allora ben venga la Coppa America. Potremmo effettivamente dotare l’intero litorale partenopeo di strutture turistiche che migliorino la ricettività diportistica, intervenendo ovviamente anche sugli assi viari di collegamento. In quest’ottica la Provincia di Napoli sarebbe pronta a finanziare il risanamento delle coste e dei fondali e ad ottimizzare i collegamenti viari di pertinenza, nell’ottica del piano di collaborazione istituzionale auspicato dal Governatore Stefano Caldoro”. “Insomma - ha concluso Cesaro - ben venga la Coppa America a Napoli, ma stiamo attenti a non buttare i soldi a mare, ma piuttosto ad investirli nel mare”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©