Provincia / Caserta

Commenta Stampa

E’ destinatario di due ordinanze di custodia cautelare

Cosentino, i legali: “Venerdì si costituirà in carcere”

Dopo che il Riesame ha accolto le tesi dei pm della Dda

.

Cosentino, i legali: “Venerdì si costituirà in carcere”
13/03/2013, 09:50

CASERTA - Nicola Cosentino, l’ex sottosegretario accusato di collusione con il clan dei Casalesi, si costituirà venerdì prossimo, quando si insedierà il nuovo Parlamento e lui decadrà formalmente dalla carica di deputato. Lo fa sapere l’avvocato Stefano Montone, uno dei legali del parlamentare del Pdl destinatario di due ordinanze di custodia in carcere emesse su richiesta dei magistrati della Direzione distrettuale antimafia di Napoli. Due provvedimenti la cui esecuzione non fu autorizzata dalla Camera dei Deputati ma che il 15 marzo diventeranno esecutivi. Montone, che difende Cosentino insieme con l’avvocato Agostino De Caro, ha precisato che al momento non si sa a quale struttura Cosentino dovrebbe presentarsi. Tra le ipotesi, oltre a una delle case di reclusione campane (in particolare, quelle di Poggioreale o Secondigliano, a Napoli), vi è anche quella di un penitenziario fuori regione, per esempio Rebibbia, a Roma. “La decisione definitiva sulla struttura in cui verranno scontati gli arresti - ha spiegato il penalista - spetta all’autorità giudiziaria e, sotto il profilo amministrativo, al Dap”. Nei confronti di Cosentino, parlamentare uscente non ricandidato, devono essere eseguite due ordinanze di custodia cautelare, con accuse che vanno dal concorso esterno in associazione mafiosa alla corruzione e riciclaggio aggravati dall’aver agevolato il clan dei Casalesi. Le ordinanze sono state confermate nei giorni scorsi dal Riesame. I giudici non hanno ritenuto che la perdita del ruolo di deputato faccia venire meno le esigenze cautelari, che era una delle tesi sostenute dalla difesa dell’esponente del Pdl. “La dismissione da parte di Cosentino di ogni carica politica costituisce circostanza neutra e priva di effetti diretti sul piano di un’eventuale valutazione di insussistenza delle esigenze cautelari”, scrissero il 5 marzo scorso i giudici del Tribunale respingendo una delle istanze. Una decisione in linea con le posizioni dei pm della Dda per i quali “il fatto che non sia stato ricandidato conta poco: in vent’anni di attività politica Cosentino ha accumulato potere e stretto amicizie, dunque potrebbe comunque adoperarsi per favorire il clan dei casalesi e reiterare i reati già commessi”.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©