Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Al convegno di stamattina specialisti e addetti ai lavori

Cyberstalking, istituzioni a confronto con gli studenti

Riflettori accesi al Comunale sulle molestie telematiche

.

Cyberstalking, istituzioni a confronto con gli studenti
28/11/2012, 14:34

CASERTA - Lo stalking ai tempi di facebook e degli altri social network, quali pericoli per gli adolescenti , come difendersi da possibili atteggiamenti persecutori. A queste e a tante altre domande hanno tentato di fornire una risposta esaustiva  al teatro Comunale di Caserta il pm Antonella Cantiello, Michele Angelo Moscuzza della Polizia Postale di Napoli, suor Rita Giarretta di Casa Ruth, il professor Dario Bacchini della Facoltà di Psicologia della Sun, che, insieme alle istituzioni locali, hanno incontrato una vasta platea di studenti delle scuole medie e superiori. ‘Con l’affermarsi dei social network stiamo assistendo alla diffusione, con caratteristiche esponenziali, del fenomeno definito “cyberstalking”, quale diretta derivazione dello stalking, applicato al mondo della telematica – spiega l’assessore comunale alla Cultura e alla Pubblica istruzione, Felicita De Negri, promotrice dell’evento -  il Comune di Caserta, in considerazione dell’impatto sociale di un simile fenomeno, soprattutto sulle giovani generazioni, ha ritenuto opportuno organizzare un incontro con le scuole della città capoluogo, al fine di fornire informazioni utili sull’argomento e riflettere insieme su effetti e pericoli derivanti da questo fenomeno ancora in parte sconosciuto’. Da qui la scelta di un parterre d’eccezione fatto di specialisti e addetti ai lavori: ‘E’ stata proprio la loro presenza – ha sottolineato l’assessore - a stimolare nei giovani studenti riflessioni e considerazioni sul tema, oltre che ad offrire agli stessi la possibilità di interagire ponendo domande, rappresentando dubbi e, nel caso, portando testimonianza diretta'. Nel corso del convegno infatti anche testimonianze concrete di chi è stato vittima dello stalking, l’invito a denunciare sempre e comunque e soprattutto ad utilizzare internet, sms e social network con la dovuta attenzione per scongiurare il rischio di incappare in personaggi poco raccomandabili. In sala anche la parlamentare Giovanna Petrenga.

Commenta Stampa
di Daniela Volpecina
Riproduzione riservata ©