Provincia / Caserta

Commenta Stampa

De Falco: "Patrimonio culturale ed enogastronomico per rilanciare il turismo a Caserta"


De Falco: 'Patrimonio culturale ed enogastronomico per rilanciare il turismo a Caserta'
02/05/2011, 12:05

Enzo Falco (SEL): "Turismo culturale e valorizzazione del patrimonio enogastronomico di Caserta. Binomio grazie al quale questo territorio può uscire dal guado"

Intervenendo sul tema del rilancio turistico di Caserta, Enzo Falco, candidato al consiglio comunale per SEL (lista che sostiene l'aspirante sindaco di centro sinistra Carlo Marino), ha dichiarato “I posti turistici sono luoghi di reale conoscenza. Il turismo non potrà vivere di “non luoghi” come i megacentri commerciali, dove la gente passa ma non si conosce”. Questo il passaggio straordinario fatto dall’antropologo francese Marc Augè, nel convegno di Capri sul turismo. Sembrava parlare di Caserta che vive un turismo mordi e fuggi che non riesce a far rimanere un giorno in più i visitatori della Reggia. Eppure avrebbe tantissime altre cose da offrire se facesse finalmente la scelta strategica di puntare sul turismo dal quale
ovviamente discenderebbero tutte le scelte conseguenti (riqualificazione del centro storico, mobilità sostenibile, città del buon cibo, città del buon vivere).
Un altro “grande vecchio” pensatore come il sociologo rurale Corrado Barberis dice che un territorio non “vince” se non mette insieme “panorami e salami”, “paesaggi e formaggi”. E Caserta deve mettere insieme in un rapporto sinergico Reggia di Caserta e mozzarella di bufala, Casertavecchia e i piatti tipici casertani, San Leucio e i vini della vigna del ventaglio (Falerno, Asprinio, Pallagrello, Casavecchia), il centro storico e il maialino nero casertano o il conciato romano. Insomma comunicare il territorio e Caserta attraverso tutte le sue qualità che derivano dalla sua storia, non anonima così come i “luoghi di passaggio”, i “non luoghi”, attraverso la rete, la sinergia tra enti istituzionali e operatori, attraverso la partita unica che tutti devono giocare sapendo che si può e si deve vincere".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©