Provincia / Torre del Greco

Commenta Stampa

Ieri sera corteo a Torre del Greco

Deiulemar: obbligazionisti di nuovo in piazza


.

Deiulemar: obbligazionisti di nuovo in piazza
21/11/2012, 11:13

TORRE DEL GRECO - Sono tornati in piazza gli obbligazionisti della Deiulemar Compagnia di Navigazione. Impossibile per il popolo di Torre del Greco dimenticare la ferita economica subìta. In centinaia nella serata di ieri hanno marciato per le vie del centro storico. Una manifestazione dai toni pacati, voluta solo per tenere alta l’attenzione su un caso di caratura internazionale. La città crede nelle indagini e nel percorso intrapreso dalla Procura. La truffa da oltre 700 milioni di euro messa in atto dagli armatori torresi è stata smascherata, e in tempi brevi si è provveduto al sequestro dei beni e agli arresti. "Abbiamo fiducia nella Procura e nel lavoro fin qui svolto - dichiara l'avvocato Antonio Cardella, dell'Associazione Noi Consumatori - e risposte le attendiamo anche dall'Europa dove, grazie al dott. Davide Lamparella, un torrese doc, siamo riusciti a portare la questione all'attenzione dell'Unione Europea".
Qualche attimo di tensione non è mancato al principio del corteo. Qualche cittadino ha preso a muso duro l’unico esponente dell’amministrazione comunale presente: il presidente del Consiglio Comunale, Filippo Colantonio. Una scenata durata pochi secondi, e nata in virtù dell’assenza del sindaco, Gennaro Malinconico. Poi tutto è prontamente rientrato, grazie anche all’ausilio dei cittadini. Lo stesso Colantonio ha poi spiegato l’impegno della politica cittadina: "Abbiamo scritto al Governo. Il 30 novembre avremo un incontro a Roma per afforntare la questione".
Il corteo ha attraversato in serata il cuore della città, creando disagi al traffico veicolare, e passando per la vecchia sede della Deiulemar Shipping. Prima di sciogliersi ai cancelli d’ingresso del palazzo della Deiulemar Compagnia di Navigazione, sito in via Tironi.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©