Provincia / Frattamaggiore

Commenta Stampa

Democratici per il Progresso:"Si a discussione partecipata"

La lettera del gruppo al sindaco di Frattamaggiore

Democratici per il Progresso:'Si a discussione partecipata'
10/07/2012, 09:07

Frattamaggiore - Di seguito il testo della missiva inviata dal gruppo dei Democratici per il Progresso al sindaco di Frattamaggiore.
Gentili amministratori e dirigenti di partito,
in seguito alla revoca dell’incarico di delegato quale Presidente del Consorzio Cimiteriale effettuata lo scorso 28 giugno dal Sindaco Russo, ci corre l’obbligo di sottoporre alla Vostra attenzione le seguenti considerazioni affinché si possono formulare la dovute valutazioni e pervenire alla necessarie determinazioni politico-amminsitrative.
Preliminarmente, non possiamo non ricordare il lavoro svolto nei pochi mesi in cui un esponente del gruppo è stato incaricato di svolgere il ruolo di Presidente del consiglio di amministrazione del consorzio cimiteriale. Per la prima volta è stato implementato un sistema di piena conoscibilità degli atti di competenza del Consorzio sia attraverso la istituzione del protocollo elettronico sia con la pubblicazione sul sito istituzionale del Comune degli atti: un elementare gesto di trasparenza amministrativa che ha voluto rappresentare solo l’inizio di una nuova modalità di gestione dell’ente.
Si è realizzata una nuova organizzazione del lavoro dei dipendenti assegnati al Consorzio, conciliando le esigenze di risparmio delle risorse finanziarie pubbliche con la valorizzazione delle professionalità interne.
E’ stata attivata una intensa attività di verifica della corrispondenza dell’operato delle ditte affidatarie di lavori rispetto a quanto previsto nei rispettivi capitolati e bandi, in modo da verificare che i soldi pubblici fossero corrisposti solo previa consapevolezza della corretta esecuzione delle prestazioni dovute.
In sostanza, si era avviato un processo di riorganizzazione dell’ente che avrebbe portato risultati positivi in termini di trasparenza, partecipazione democratica, efficienza e risparmi, da perseguire anche e soprattutto con la collaborazione dei funzionari che con impegno e favore hanno lavorato raccogliendo le nuove sfide.
Ricordato a grandissimi linee quanto fatto, non possiamo non ribadire che abbiamo sempre fornito tutte le risposte del caso ai vari quesiti che sono stati posti in ordine all’attività svolta, così come ancora oggi siamo disponibili ad ogni confronto sugli atti.
Eppure, una scelta è stata compiuta ed sulle conseguenze di questa scelta che è improcrastinabile una decisione, chiara, netta e pubblica, come la sana politica impone.
Crediamo che sia stato svolto con dedizione e profitto nell’interesse degli amministrati il ruolo di Presidente del Consorzio Cimiteriale, ma non ci rifuggiamo nei successi, piccoli o grandi che siano, né intendiamo abdicare al ruolo che gli elettori ci hanno conferito; tanto meno, però, vogliamo partecipare ad alchimie politiche o ad operazioni di ingegneria istituzionale che trasportino in maggioranza consiglieri eletti all’opposizione in forza di accordi segreti e patti tra singoli.
Pertanto, chiediamo con forza e determinazione UNA DISCUSSIONE PUBBLICA E PARTECIPATA per rilanciare l’attività dell’amministrazione con la chiara individuazione di coloro i quali devono contribuire a governare.
Se, al contrario, si intende far trascorrere del tempo sperando che il teatrino della politica e dei politicanti prenda la scena - magari approfittando di una fintamente lunga e anacronistica pausa estiva - sin d’ora, pur raccogliendo con favore le tante testimonianze di apprezzamento e vicinanza provenienti dai banchi della maggioranza, ci schieriamo da un’altra parte, quella della politica del fare nell’interesse pubblico.
   

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©