Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Operazione dei carabinieri a Francolise, in due nei guai

Deposito illecito di rifiuti, sigilli a 2 aziende zootecniche

E il Nas sequestra 273 capi bufalini a Casal di Principe

.

Deposito illecito di rifiuti, sigilli a 2 aziende zootecniche
07/02/2013, 11:13

FRANCOLISE – I carabinieri del comando stazione di Sant’Andrea del Pizzone hanno deferito, in stato di libertà, i titolari di due aziende zootecniche di Francolise per deposito incontrollato di rifiuti speciali. In particolare, i militari dell’Arma hanno accertato che M.B., 50enne di Francolise, aveva adibito, senza alcuna autorizzazione, un’area di circa diecimila metri quadrati a deposito di rifiuti speciali, costituiti da pneumatici in disuso, carcasse di autovetture, materiali plastici e ferrosi di varia natura, nonché M.E., 23enne, sempre di Francolise, per aver utilizzato senza alcuna autorizzazione un’area di circa diecimila metri quadrati quale deposito di rifiuti speciali costituiti da liquami ed escrementi animali riversati in quattro vasche di contenimento. Al termine del sopralluogo, le due aree sono state sottoposte a sequestro. L’operazione scattata a Sant’Andrea del Pizzone segue, di qualche giorno, quella che i carabinieri del Nas di Caserta hanno eseguito a Casal di Principe. Denunciato, in stato di libertà, un 46enne del luogo, titolare di un allevamento bufalino, per aver smaltito carcasse e reflui zootecnici provenienti dall’insediamento in un terreno circostante. Contestualmente, i militari dell’Arma hanno sottoposto a sequestro l’intero allevamento con 273 capi bufalini nonché a sequestro sanitario la sala mungitura per carenze strutturali e sotto il profilo igienico-sanitario. Il valore del sequestro ammonta ad un milione di euro mentre quello dei capi bufalini a 400mila euro.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©