Provincia / Casoria

Commenta Stampa

Differenziata Casoria, Tignola: “Entro fine ottobre copriremo tutto il territorio”


Differenziata  Casoria, Tignola: “Entro fine ottobre copriremo tutto il territorio”
24/06/2011, 12:06

È partito da ieri sera, il nuovo piano di raccolta porta a porta che interesserà nuove zone del centro cittadino, fino ad oggi non coperte dal servizio. Ad annunciarlo, è il neo Assessore all’Ambiente Pasquale Tignola che, nelle prossime ore, chiederà alla SAPNA (Società Provinciale che si occupa del servizio), di aumentare il conferimento dei rifiuti per la città di Casoria che, allo stato attuale delle cose, dispone di uno sversamento di circa 70 tonnellate – alle quali si aggiungono le 25 scaricate presso il sito di Giugliano -.

D. Assessore, quali sono le nuove zone interessate?
R. «Da ieri sera è partito il sistema porta a porta per tutta l’Area 5, quindi: via Torquato Tasso, via Carducci, via Ugo Foscolo, via Manzoni, via Giolitti, via S. Di Giacomo, via C. Poerio, via Filangieri, via Pessina, via G. Deledda, via Kennedy, via Verga, via De Sanctis (da angolo via Manzoni ad angolo via Carducci) e via P. di Piemonte».

D. Quando sarà possibile coprire l’intero territorio?
R. «Su questo argomento c’è una perfetta sintonia d’intenti con il Sindaco Vicenzo Carfora, contiamo di servire l’intero territorio cittadino entro la metà di ottobre. Chiaramente, abbiamo messo in conto le difficoltà delle fasi iniziali; ma ci auguriamo nei prossimi mesi di avere il pieno controllo della situazione e mettere a regime il “sistema”. Tra l’altro, proprio per cercare di superare la confusione dei primi momenti, sto portando avanti l’idea di realizzare un “dizionario dei rifiuti” che aiuti il cittadino a capire come smaltire ogni cosa nella giusta maniera».

D. Di cosa sono stati dotati i cittadini?
R. «Sono stati distribuiti contenitori e buste consone a questa operazione e, nel frattempo, abbiamo provveduto a far sparire da alcune strade gli odiosi cassonetti, oramai diventati obsoleti. Adesso, stiamo valutando come utilizzare lo spazio rimasto vacante e l’idea, per ora, è caduta su panchine e fioriere. Con l’ausilio di tutti, ci auguriamo di raggiungere, entro la fine dell’anno, punte di differenziata che tocchino almeno il 50%».

D. E per i trasgressori?
R. «Per costoro le multe saranno salatissime! I vigili ambientali sono al lavoro per contenere i disagi, ma io mi auguro che i cittadini, nell’interesse generale, apportino il loro prezioso contributo evitando la seccatura di una sanzione amministrativa. Se vogliamo che le cose funzionino, abbiamo bisogno dell’ausilio di tutti! La situazione non è semplice, ma con la raccolta possiamo limitare notevolmente i danni. Insomma, insieme possiamo farcela: “Proviamoci davvero!”».

E noi, dal canto nostro, non possiamo fare altro che unirci alla raccomandazione del giovane Assessore: “Passiamoci una mano per la coscienza DIFFERENZIAMO DAVVERO!”

Daniela Iavolato

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©