Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

Oggi si terrà un incontro promosso dall'Asl Na 2 Nord

Disabilità ed integrazione: ancora scarsi i risultati a Quarto

"Più sensibilizzazione contro le barriere architettoniche"

Disabilità ed integrazione: ancora scarsi i risultati a Quarto
19/09/2011, 15:09

QUARTO (NA) - Nessun passo in avanti sul piano dell’integrazione nei confronti delle persone diversamente abili. Il grido d’allarme, lanciato in più occasioni dalla sezione Aias di Quarto, non sembra aver sortito effetti concreti nella cittadina flegrea. “Non c’è rispetto nei confronti dei posti auto a loro riservati; non esistono spazi pubblici per i disabili, ma soprattutto gli edifici pubblici non sono adeguati alle normative vigenti in tema di barriere architettoniche. Il nostro appello è rivolto alle istituzioni affinché cresca una maggiore sensibilità civile, attenta alle esigenze delle persone con problematiche diverse”.
Risale a due anni fa l’epopea di via Cupa Lava; una storia che colpì l’intera comunità quartese per la sua intensità. Lungo questa strada, denominata dai cittadini “gruviera killer”, vi abita un giovane, invalido dalla nascita, che ha bisogno di essere dializzato quattro volte alla settimana. L’inagibilità del manto stradale ha costretto per mesi interi il signor Giuseppe Carandente, padre del ragazzo, a trasportare il figlio in braccio, con il timore di inciampare e procurare ulteriori danni al fragile ed esile corpo. “E’ una vergogna – commentò adirato il padre di Gennaro - Tutti avevano giurato di darci una mano e ora sono scomparsi. Le loro bugie servivano soltanto a farsi pubblicità. Non credo più a nessuno; mi sono occupato di sistemare un tratto di strada di circa 15-20 metri, lo spazio utile, affinché l’ambulanza possa ora arrivare vicino casa e caricare Gennaro. I lavori naturalmente sono stati fatti a spese mie; ma non voglio alcun risarcimento. Credo solo che sia veramente degradante per l’amministrazione comunale fare una promessa ad un handicappato e non rispettarla. Siamo stati presi in giro. Per l’ennesima volta”.
In quei giorni fu fissato un termine per i lavori di rifacimento stradale da parte dell’Amministrazione comunale e dell’ Ufficio tecnico del Comune di Quarto: per primavera i residenti di via Cupa Lava avrebbero avuto una strada nuovamente percorribile. Ma tra meno di una settimana comincerà un nuovo autunno e l’arteria periferica di Quarto non sembra aver subito alcuna modifica. Se non a spese dei suoi abitanti. Intanto, in tema di disabilità, è stato messo in calendario per la giornata di oggi, presso la sede dell’Asl Na 2 Nord di via Campana, un corso legato ai bambini con disabilità congenite e disturbi generalizzati dello sviluppo. L’incontro, che ha per destinatari gli operatori impegnati nell’area dell’accoglienza, abilitazione e riabilitazione dell’età evolutiva, sarà organizzato in più moduli. “Il corso - spiega la dottoressa Maria Teresa Pini, che dirige il Dipartimento Materno Infantile, ubicato presso il Palazzo di vetro a Quarto – si propone sia di contribuire alla conoscenza delle basi teoriche e metodologiche dell’intervento precoce centrato sulla famiglia, sia di sollecitare e rafforzare, attraverso la formazione multiprofessionale, le attività di presa in carico e trattamento dei bambini con disabilità congenite e delle loro famiglie”.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©