Provincia / San Giorgio

Commenta Stampa

Domenica in piazza Massimo Troisi la raccolta degli oli esausti


Domenica in piazza Massimo Troisi la raccolta degli oli esausti
01/03/2013, 09:44

San Giorgio a Cremano, 1 marzo 2013 – Domenica 3 marzo, dalle 9 alle 13, in piazza Massimo Troisi, avverrà nuovamente la raccolta degli oli naturali da cucina esausti. L'iniziativa è ripetuta ogni prima domenica del mese Tutti i cittadini sangiorgesi potranno portare l’olio già utilizzato in contenitori propri e potranno sversarlo in apposite cisterne. Il servizio è affidato gratuitamente alla Projeco srl, che stornerà al Comune una quota del ricavato della successiva vendita dell'olio e cioè 250 euro ogni 1000 litri raccolti.


Nel contempo, il Comune invita tutti gli amministratori dei condomini e dei parchi che abbiano adeguato spazio a richiedere l’installazione gratuita di una minicisterna che possa servire i residenti per una raccolta “porta a porta” degli oli esausti. Le richieste possono essere effettuate telefonando al settore Ambiente, ai numeri telefonici 0815654279 e 0815654338. Sono diversi i condomini che hanno già aderito.


“San Giorgio a Cremano mantiene stabilmente la sua quota di raccolta differenziata oltre il 60% ed il fatto che ormai il servizio porta a porta sia rodato ci consente di puntare sulla raccolta di nuove frazioni. – spiegano il sindaco Mimmo Giorgiano con l' assessore all' ambiente Francesco Emilio Borrelli – Gli oli esausti fino a poco tempo fa venivano sversati da tutti nel sistema fognario, con pesanti conseguenze per l’ambiente. Noi, invece, vogliamo invitare la nostra comunità a proseguire nella scelta consapevole del rispetto del nostro territorio e verso uno sviluppo più ecosostenibile. La raccolta è partita benissimo. Al termine del 2013 una volta fatti i conti con la società faremo decidere ai cittadini come spendere i fondi raccolti. E' la prima volta che succede. I sangiorgesi decideranno su internet come utilizzare queste risorse votando sul sito del Comune, su Facebook e Twitter. Si tratta di una piccola rivoluzione nel rapporto con la popolazione locale. Noi infatti vogliamo che la cittadinanza partecipi sempre di più nelle attività del comune interagendo con noi non solo in modo diretto ma anche attraverso la rete. E' solo in questo modo che potremo migliorare in modo significativo i nostri servizi.”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©