Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

Maddalena De Luca, la sub commissaria per Pozzuoli

Donna al comando del Comune: si riparte dalle risorse umane


Donna al comando del Comune: si riparte dalle risorse umane
23/06/2010, 16:06

POZZUOLI - La triade dei commissari prefettizi nominati al comune di Pozzuoli dopo lo scioglimento della Giunta Giacobbe si completa con una nota rosa: la dottoressa Maddalena De Luca. E' stata inviata dal Ministero degli Interni per guidare il lavoro dell'ente fino alla prossima tornata elettorale. Giovanissima, vice prefetto presso il Ministero, quarantenne, con un curriculum di tutta eccezione. Laureata in giurisprudenza, specializzata in Governo e Gestione di Amministrazioni e imprese e in Scienze delle Pubbliche Amministrazioni, docente di Diritto Costituzionale, di politica del lavoro, legalità e sicurezza e di protezione civile, ha svolto ruoli di diverso spessore come  consigliere della Prefettura d'Asti, dove è stata Vice Capo di Gabinetto, Addetto Stampa, Dirigente Ufficio Antimafia, responsabile ambientale, ed ancora dirigente presso la Prefettura di Viterbo. Diversi gli incarichi presso il Ministero dell'Interno in qualità di Dirigente in posizione di staff responsabile dell’attività parlamentare e della gestione del personale presso gli uffici di diversi sottosegratari di Stato. Una lista che non finisce ancora. Giovane ma ricca di esperienza. Tra i vari ruoli assegnateli c'è anche la posizione di commissario ad acta per varie ASL del Lazio. Emerge conoscendola un elemento importante per la città che si accinge ad amministrare: è stata Commissario Delegato per l’emergenza dell’area archeologica di Pompei.
Questi solo alcuni dei tanti incarichi ricoperti. Precedentemente ad essere nominata sub-commissario nel comune di Pozzuoli, è stata impegnata, ricoprendo lo stesso ruolo nei comuni di Sant'Antonio Abate e Terzigno.
Dagli inizi di maggio è al timone di Pozzuoli. Non ha perso un attimo per mettersi al lavoro, al fianco dei suoi colleghi. A lei spetta la gestione delle risorse umane.
"Ci sono spese da razionalizzare, ci sono risorse umane da disporre meglio. Un ente con 1.200 unità lavorative deve offrire servizi eccellenti. Se il Comune comincia a fare questo può recuperare anche credito, di cui ha davvero bisogno, considerando lo stato in cui versano le casse." 
Sembra aver messo immediatamente a fuoco la situazione attuale: la macchina comunale da qualche parte è inceppata, con un pò d'olio nei giusti ingranaggi potrebbe però riprendersi.
"Stiamo cercando di lavorare spiegando effettivamente come stanno le cose" ha affermato la dottoressa in seguito ad alcuni incontri avuti con i rappresentanti sindacali di varie categorie.
E a quanti credono che, i commissari si dovranno occupare soltanto di amministrazione ordinaria, arriva un monito: la Legge consente di governare a 360°, quindi in modo ordinario e straordinario. Questo significa che potrebbero esserci colpi di scena per la vità del Comune.
Dunque si parte. Risorse umane e riorganizzazione, macchina comunale, servizi, cittadinanza. Parole concatenate una all'altra che potrebbero risollevare almeno fino alle prossime elezioni le sorti della città.

Commenta Stampa
di Elisabetta Froncillo
Riproduzione riservata ©