Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Proseguono indagini nei confronti del sodalizio criminale

Droga a San Felice a Cancello, scattano nuove ordinanze

Arma esegue 9 arresti,di cui 7 in carcere e 2 ai domiciliari

.

Droga a San Felice a Cancello, scattano nuove ordinanze
02/12/2013, 11:03

SAN FELICE A CANCELLO - E’ scattata alle prime luci dell’alba, in quel di San Felice a Cancello, un’operazione condotta dai carabinieri della compagnia di Maddaloni, che ha portato all’esecuzione di nove ordinanze di custodia cautelare per i reati di associazione finalizzata al traffico illecito e alla detenzione, ai fini di spaccio, di sostanze stupefacenti. L’operazione, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, ha interessato nove soggetti risultati già destinatari, lo scorso 6 novembre, di altrettanti provvedimenti cautelari, emessi dal gip del Tribunale di Napoli per i medesimi reati. L’attività d’indagine, sviluppata dai militari dell’Arma di Maddaloni, condotta dal mese di settembre a quello di novembre del 2011, ha permesso di delineare la struttura di un’associazione a delinquere, finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, le cui condotte sono state poste in essere nel pieno centro cittadino di San Felice a Cancello, più dettagliatamente in prossimità di una scuola di danza e di un ufficio postale. Le indagini, basate su attività di videoripresa, effettuate mediante l’utilizzo di due telecamere opportunamente occultate, nonché su numerosi sequestri di sostanza stupefacente del tipo hashish, hanno consentito di documentare oltre 400 episodi di cessione al dettaglio della sostanza stupefacente. Dei nove soggetti destinatari della misura cautelare, solo due sono stati accompagnati presso le rispettive abitazioni e sottoposti agli arresti domiciliari. Nel corso dell’operazione dello scorso 6 novembre, si ricorderà, oltre alla notifica delle ordinanze di custodia cautelare, furono eseguiti numerosi sequestri di beni mobili e di conti correnti postali e bancari, per un valore complessivo di circa 200mila euro.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©