Provincia / Caserta

Commenta Stampa

E’ iniziata “Caserta Reggia dello Sport”

Domani l'atteso "Premio Sport&Cultura"

E’ iniziata “Caserta Reggia dello Sport”
28/06/2013, 17:20

CASERTA - E’ iniziata oggi la tre giorni “Caserta Reggia dello Sport” (Caserta, dal 28 al 30 giugno), manifestazione organizzata da ASI Associazioni Sportive e Sociali Italiane con il patrocinio del Comune e della Provincia di Caserta e con la preziosa collaborazione del comitato regionale ASI Campania e dell’associazione Casertaville, presieduta da Stefano Mariano.

Allo stadio comunale Pinto, presso i centri sportivi Talamonti e Acconcia si stanno disputando questo pomeriggio le prime gare delle finali nazionali dei Campionati Asi di calcio a 11, 7 e 5 che proseguiranno nei prossimi due giorni; sarà, infatti, domenica la giornata in cui si sapranno le squadre vincitrici nelle rispettive categorie. Nella serata di oggi si terranno inoltre una dimostrazione di lasertag e il premio “Asiadi”, organizzato dal comitato regionale Asi Campania.

 

“Caserta Reggia dello Sport” prosegue domani, sabato 29 giugno, con la gara ciclistica cittadina di 3,5 kilometri aperta alla partecipazione di tutti durante la quale correranno anche famosi atleti professionisti: non solo tutta la squadra ciclistica Nippo-De Rosa al completo, ma anche il vincitore del Giro di Toscana 2013 Mattia Gavazzi e Miguel Angel Rubiano (entrambi del Team Androni Venezuela).

 

Concluderà la giornata di sabato la serata dei vincitori del “Premio Sport e Cultura - Gli Oscar dello Sport Italiano” (Piazza Vanvitelli a partire dalle ore 20), condotta da Stefano Masciarelli e con Fiona May come madrina d’eccezione.

Il Premio, organizzato da ASI con il patrocinio del CONI per diffondere e valorizzare le eccellenze del mondo sportivo italiano e per costruire consapevolezza sulle potenzialità del settore, in questa sua ottava edizione è realizzato in partnership con il Gioco del Lotto - brand che figura tra i maggiori sostenitori dello Sport italiano e che da sempre è al fianco di iniziative sportive di base e professionistiche. Sponsor degli Oscar sono, invece, l’ICS Istituto per il Credito Sportivo, istituto creditizio da oltre cinquant'anni impegnato a finanziare lo sport e la cultura, da sempre sensibile e attento alla questione dell’infrastruttura sportiva, e Tim, azienda leader nel settore delle comunicazioni e del networking, in continuo contatto con le novità e le passioni degli italiani.

 

Quattro le sezioni del Premio: etica sportiva (Premio Fabrizio Quattrocchi), dedicato a chi in ambito sportivo si è distinto per un gesto di alto valore etico formativo, o per aver contribuito alla diffusione dei valori dello sport; multimedia e innovazione tecnologica, pensato per dare un riconoscimento agli operatori del settore informativo capaci di sviluppare progetti di comunicazione o di community building intorno al mondo dello sport e per quanti abbiano realizzato un prodotto o un servizio sportivo particolarmente innovativo; marketing e sponsorizzazione sportiva sezione rivolta a quanti abbiano comunicato con successo lo sport come proprio valore di marca, sia attraverso campagne pubblicitarie che attraverso sponsorizzazioni; infine ICS-impiantistica sportiva.

 

Prestigiosi i finalisti selezionati dalla giuria presieduta da Manuela Di Centa e composta da Andrea Abodi, Italo Cucci, Eugenio De Paoli e Guido D’Ubaldo. Tra questi figurano: l’AS Rugby Milano e l’Istituto penale minorile Cesare Beccaria con il progetto “All Bec, il senso di una meta” assieme a Gianni Maddaloni con “Star Judo Scampia”, l’Istituto di Certificazione Etica nello Sport con “Esicert”, Adidas Italia Spa con “Le voci del rugby”, il settore giovanile e scolastico Figc con il progetto “I valori scendono in campo”, Leap Factory con “Bivacco Gervasutti”, nonché le amministrazioni comunali di Sassari con “Il porta colori”, di Modena con “Sport LiberaMente” e di Padova con “Sport per tutti-Sport nei Ceod”.

 

Lo spettacolo sarà arricchito dalla proiezione di un video esplicativo del funzionamento di MESSI, dispositivo basato sulla tecnologia satellitare super sottile e ultra low-power messo a punto da Alessandro di Felice (responsabile del Settore Asi Sviluppo Tecnologico) e da Mirko Antonini, impiagato nel settore sportivo, in particolare nel calcio.

L’apparecchio, posizionato nei parastinchi dei calciatori, è capace di trasmettere in tempo reale, a bordo di un campo, la loro posizione assieme ad una serie di dati cinematici, così da permettere in tempo reale a allenatori e tecnici di modificare la tattica del match in corso oppure di pianificarne una più efficace per gli incontri successivi.

 

La serata si preannuncia, quindi, come un imperdibile momento di fusione tra lo sport, la cultura, la tecnologia e lo  spettacolo.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©