Provincia / Caserta

Commenta Stampa

L’assessore regionale accompagnato dal primo cittadino

Ecoballe, sopralluogo di Romano al sito di Villa Literno

Ok al servizio di vigilanza e avanti tutta con la bonifica

.

Ecoballe, sopralluogo di Romano al sito di Villa Literno
02/08/2013, 10:44

VILLA LITERNO - E’ stato investito anche l’assessore regionale all’Ambiente, Giovanni Romano, nella battaglia del sindaco di Villa Literno, Nicola Tamburrino, per la bonifica del sito di ecoballe di Lo Spesso. Tamburrino ha consegnato a Romano la maglia della campagna di sensibilizzazione, promossa in sinergia con l’associazione Life Care, al termine del sopralluogo che si è svolto proprio sul sito a cui hanno partecipato anche il capogruppo di maggioranza Antonio Tonziello e quello del Pd Nicola Ucciero. “L’assessore Romano si è impegnato ad accogliere la mia richiesta di istituire un servizio di vigilanza all’interno del sito di ecoballe che, allo stato attuale, è totalmente incustodito” ha detto soddisfatto Tamburrino. Rispetto agli ultimi sopralluoghi, le condizioni dell’area sono sensibilmente migliorate, grazie anche ad una serie di interventi svolti dalla Gisec. “Questo non significa – prosegue il primo cittadino - che bisogna abbassare la guardia ed è per questo che abbiamo investito l’assessore Romano che si è dimostrato sensibile al problema”. Tamburrino è impegnato in una campagna di sensibilizzazione sul problema sito di ecoballe, con l’obiettivo di liberare il suo Comune, ma anche l’intera provincia da quell’ecomostro. “Purtroppo, come Comune, scontiamo un problema di competenze – ha spiegato Tamburrino – giacché su quel sito non abbiamo alcuna responsabilità e, questo, ci impedisce di poter assumere delle decisioni drastiche”. Non avendo alcuna possibilità di intervento, il Comune punta a promuovere una mobilitazione popolare che possa scardinare questo pericoloso immobilismo. Proprio per questo motivo si è deciso di investire istituzioni e portatori di interessi, nella speranza di dare forza a questa iniziativa, donando una maglia con il logo della campagna che diventa il simbolo dell’adesione alla stessa. E’ poi possibile adottare materialmente le ecoballe con un’azione simbolica, sul sito www.adottaunecoballa.it. “Con l’aiuto di tutti – conclude Tamburrino – riusciremo ad abbattere l’ecomostro”.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©

Correlati