Provincia / Torre del Greco

Commenta Stampa

Il consigliere regionale Sala attacca il sindaco Borriello

Emergenza crolli a Torre del Greco, molti edifici a rischio


Emergenza crolli a Torre del Greco, molti edifici a rischio
01/07/2010, 17:07

TORRE DEL GRECO – Riflettori nuovamente puntati sul possibile rischio crollo che riguarda alcuni edifici a Torre del Greco.
Dopo l’episodio avvenuto lo scorso 27 maggio in via Libertà Italiana dove una palazzina di tre piani è crollata su se stessa senza, per fortuna, fare nessuna vittima, ad intervenire sull’argomento è il consigliere regionale dell’Italia dei Valori, Anita Sala che attacca pesantemente il sindaco Ciro Borriello.
“È vergognoso –ha dichiarato la Sala- il comportamento del primo cittadino torrese che non si sta attivando presso la Regione Campania per chiedere l'intervento preventivo della Protezione Civile al fine di ottenere una verifica ambientale della zona antica e portuale di Torre del Greco”.
Il consigliere regionale ha denunciato il presunto “stato di inerzia del sindaco” nel corso del question time di ieri in Consiglio regionale, durante il quale Anita Sala ha anche chiesto “l'immediato intervento della Regione per scongiurare ulteriori crolli in quella zona della città altamente a rischio”.
Sarebbe, infatti, emerso che il Comune di Torre del Greco non avrebbe inoltrato al Settore Programmazione Interventi di Protezione Civile sul territorio, nessuna richiesta di supporto né durante le fasi dell’emergenza nelle prime ore dopo il crollo e nemmeno nei giorni successivi. Anche presso il Settore Provinciale del Genio Civile di Napoli e presso il Settore Difesa del Suolo non sarebbe pervenuta alcuna richiesta di sopralluogo o di intervento per il crollo della palazzina di via Libertà Italiana. “È molto grave –ha proseguito il consigliere Sala nel suo intervento- il disinteresse mostrato dal sindaco Borriello verso una tematica così delicata e in grado di mettere in pericolo l’incolumità dei miei concittadini di Torre del Greco. Garantisco il mio personale impegno –conclude l’esponente dell’Idv- a sollecitare tutte le autorità interessate affinché vengano posti in essere interventi di riqualificazione di quest’area sottoposta continuamente sia alle sollecitazioni naturali con il mare a estremo ridosso, sia all'incessante passaggio dei treni”.
In merito alla questione Edoardo Cosenza, assessore ai Lavori pubblici, fa sapere che in occasione del crollo della palazzina del 27 maggio, la Regione Campania, diede al Comune di Torre del Greco la disponibilità per un eventuale impiego di volontari, ma fu comunicato che “non se ne ravvisava la necessità per il dispiegamento delle forze già messe in campo”. L’assessore Cosenza, tuttavia, sottolinea che, in casi del genere, la competenza a intervenire, spetta al Comune e non alla Regione ma se, l’amministrazione comunale torrese, ne avesse fatto richiesta, gli uffici regionali sarebbero stati pronti a supportare un’azione tecnica di verifica. “Come Regione - ha dichiarato Cosenza- si possono sviluppare attività programmatiche di supporto ai Comuni con i Piani urbanistici, ma non si possono esercitare azioni dirette per la manutenzione di edifici privati e non pubblici”.

Commenta Stampa
di Elisa Scarfogliero
Riproduzione riservata ©