Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

Secone: "Ai responsabili saranno inflitte pene severissime"

Ennesimo atto vandalico contro una scuola quartese


Ennesimo atto vandalico contro una scuola quartese
14/10/2010, 21:10

QUARTO (NA) -  «Siamo stanchi di questi continui danni. Le forze dell’ordine adesso stanno analizzando dettagliatamente i fotogrammi delle telecamere a circuito chiuso della scuola elementare Raffaele Viviani per trovare i colpevoli di questo ennesimo e deprecabile raid teppistico. Sono degli imbecilli che non hanno di nulla da fare che passare la notte a sporcare con vernici e polvere di estintore banchi e sedie di una scuola pubblica. Quarto ed i suoi 40mila cittadini onesti si vergognano di questi teppisti». Queste le parole del primo cittadino di Quarto, Sauro Secone, che con tono amareggiato condanna l’ennesimo atto di vandalizzazione compiuto contro una scuola comunale. La notte scorsa, infatti, i malviventi hanno preso ancora una volta di mira l’edificio scolastico “Raffaele Viviani”, al Corso Italia. Dopo aver distrutto una finestra che affaccia sul lato di via Guglielmo Marconi, i vandali sono entrati nelle aule della scuola del Primo Circolo didattico ed hanno imbrattato con della vernice colorata tutti le suppellettili scolastiche. Al secondo piano, poi, hanno svuotato gli estintori lasciando un cattivo odore. Una bravata che ha causato lo stop immediato alle lezioni per consentire la pulizia dei locali invasi dalla polvere maleodorante. Prosegue, dunque, senza battute d’arresto la sequela di atti vandalici sul territorio quartese: in passato nel mirino dei vandali sono finiti gli uffici comunali, le sedi delle scuole elementari e medie inferiori del territorio e persino il comando di polizia municipale, che fu visitato dai ladri nel giugno di tre anni fa. «Abbiamo collocato le telecamere a circuito chiuso della videosorveglianza nella scuola e adesso faremo analizzare le immagini alle forze dell’ordine – sottolinea il sindaco Secone – Ci auguriamo che le telecamere abbiano registrato particolari utili per le indagini, in modo da scoprire i colpevoli. Ai vandali saranno inflitte adesso pene severissime ed esemplari perché non è possibile che i cittadini onesti di Quarto siano ostaggio di questi balordi». Sull’episodio stanno indagando i carabinieri della Tenenza di Quarto, diretta dal maresciallo Antonio Flore.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©