Provincia / Ercolano

Commenta Stampa

Dopo 4 anni di lavori manca il via all’apertura della strada

Ercolano, protestano i residenti di via Tironcelli


.

Ercolano, protestano i residenti di via Tironcelli
26/07/2010, 14:07

ERCOLANO- Nuove proteste da parte dei residenti di Via Tironcelli ai confini tra Torre del Greco  ed Ercolano che ancora una volta si vedono abbandonati in merito alla questione della strada che collega via Marconi con via Benedetto Cozzolino.  Da quattro anni sono iniziati i lavori che a fasi alterne sono proseguiti sino al totale ripristino dello svincolo di strada, il punto è che a tutt’oggi a lavori finiti la strada è ancora chiusa al traffico. Quello che complica maggiormente le cose è che la strada si trova al confine tra Torre del Greco ed Ercolano da una parte e dall’altra ci sono le autostrade che hanno realizzato i lavori. Quindi allo stato delle cose gli abitanti della zona non sanno nemmeno a chi rivolgersi per dare una svolta decisiva nell’empasse.   Numerosi sono anche i disagi che si trovano a vivere, primo fra tutti quello logistico in quanto risulta difficile qualsiasi spostamento se non con l’automobile; un altro problema che si presenta sta nel fatto che la zona transennata da un po’ di tempo è diventata anche poco sicura, di notte infatti è trafficata da tossicodipendenti , diverse sono le siringhe che si ritrovano al mattino, ed ancora sta diventando una discarica a cielo aperto in quanto qualcuno ha pensato di depositare i propri rifiuti in quella zona. Quindi al danno si potrebbe aggiungere la beffa e tutte le spese che sono state impiegate in questa operazione rischiano di andare in fumo perché  il degrado potrebbe aggravare ulteriormente  una situazione snervante. Dal canto suo la Società Autostrade Meridionali (SAM) fa sapere di aver comunicato all’amministrazione di Ercolano che i lavori sono stati ultimati e che quindi la zona in questione rientra nella viabilità ordinaria. Spetta dunque agli organi competenti di Ercolano di porre fine a questa vicenda.

Commenta Stampa
di Simona Buonaura
Riproduzione riservata ©