Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Eseguito un sequestro equivalente per oltre 1,5mln di euro

Evasione fiscale, clinica casertana nel mirino della Finanza

Per il mancato versamento di contributi e ritenute fiscali

.

Evasione fiscale, clinica casertana nel mirino della Finanza
31/01/2014, 14:48

CASTEL MORRONE – A seguito della conclusione di una complessa e articolata indagine fiscale, svolta nei confronti della casa di cura “Villa delle Magnolie”, operante nel comune di Castel Morrone, la compagnia della Guardia di Finanza di Caserta, agli ordini del capitano Silvia Sonzogni, su delega della Procura di Santa Maria Capua Vetere, ha dato esecuzione ad un decreto di sequestro per equivalente. Sono stati così sottoposti a sequestro beni e disponibilità finanziarie, per un valore complessivo di oltre 1,5mln di euro, risultati nelle disponibilità dell’amministratore della casa di cura privata. Le indagini, condotte dalla Guardia di Finanza, avevano accertato che, pur avendo operato le ritenute fiscali sui lavoratori dipendenti, sulla base degli scaglioni di reddito da ognuno percepito e quelle a titolo di acconto in capo ai professionisti sulle certificazioni dei compensi, la società aveva omesso i relativi versamenti mensili e quelli a saldo. In considerazione del quadro probatorio e del rilevante importo evaso, è stato utilizzato un provvedimento ablatorio in applicazione della normativa anti-evasione che prevede la possibilità del “sequestro e confisca per equivalente”, ossia fino all’importo effettivamente evaso, anche al fine di inibire il consolidamento del vantaggio economico derivante dall’evasione accertata. Si tratta di uno strumento di contrasto all’evasione che la Procura di Santa Maria Capua Vetere, ritenuta la sua estrema efficacia, sta utilizzando in maniera esemplare, con l’ausilio della elevata competenza professionale della Guardia di Finanza di Caserta.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©