Provincia / Ischia

Commenta Stampa

“Fermate la privatizzazione della Caremar”

Duro monito di Domenico Savio

“Fermate la privatizzazione della Caremar”
26/06/2013, 09:34

FORIO - Il neoeletto Consigliere comunale di Forio del PCIML Domenico Savio, rispondendo anche agli appelli dell’Autmare, Associazione Utenti del Trasporto Marittimo del Golfo di Napoli, dopo aver combattuto per anni affinché rimanesse pubblico il servizio di trasporto marittimo, è duramente intervenuto sulla imminente e scellerata privatizzazione della Caremar che chiede venga immediatamente bloccata. E l’ha fatto investendo ufficialmente sia il Sindaco di Forio Francesco Del Deo, sia il Presidente della regione Campania Stefano Caldoro. E di seguito pubblichiamo le  istanze presentate da Domenico Savio le quali, come sempre, rispondono alle esigenze e alle aspettative delle popolazioni della regione Campania.

 

-URGENTE    

Al Presidente                                                                                    

e all’Assessore ai Trasporti

della Regione Campania

  NAPOLI

Oggetto: Richiesta urgente per fermare la privatizzazione della Caremar non procedendo all’apertura delle buste per l’espletamento della gara, che saranno depositate il 27 giugno 2013, e riaffermazione dell’indirizzo iniziale di mantenimento della natura pubblica della società e della sua attività di collegamenti con navi e aliscafi con le isole del golfo di Napoli.

                            

Il sottoscritto Domenico Savio, nella sua funzione di Segretario generale del Partito Comunista Italiano Marxista-Leninista (P.C.I.M-L.) e di Consigliere comunale di Forio (NA) del gruppo consiliare del P.C.I.M-L.,

 

RITENUTO, assieme a varie forze politiche, sindacali, associative e istituzionali, che la privatizzazione della Caremar costituirebbe un grave ostacolo per l’affermazione del diritto alla mobilità e alla continuità territoriale delle popolazioni delle isole del golfo di Napoli e per lo sviluppo economico e sociale di tali territori;

CONSTATATO che in precedenza il Consiglio regionale della Campania aveva già espresso un indirizzo contrario alla privatizzazione della Caremar;

CONSIDERATO che la privatizzazione non comporterebbe neppure un sostanziale risparmio per la collettività, visto che la Regione in dieci anni dovrebbe versare all’armatore vincitore della gara di privatizzazione 200 milioni, venti milioni all’anno, per garantire i collegamenti essenziali con le isole partenopee, pressappoco la stessa spesa oggi sostenuta per la Caremar;

VALUTATO che sarebbe anche opportuno attendere la conclusione dei ricorsi in atto contro tale privatizzazione;

APPRESO dall’Autmare, Associazione Utenti del Trasporto Marittimo del Golfo di Napoli, che il 27 giugno 2013 si depositeranno negli Uffici regionali le offerte per la privatizzazione della Caremar,

 

CHIEDE

 

per quanto sopra riportato, al Presidente e all’Assessore ai Trasporti della Regione Campania

 

di non procedere all’apertura delle buste al fine di fermare il processo di privatizzazione della Caremar e di riaffermare l’indirizzo iniziale di mantenimento della natura pubblica della società e della sua attività di collegamenti con navi e aliscafi con le isole del golfo di Napoli;

Distinti saluti.

Forio, 25 giugno 2013.

Domenico Savio

Segretario generale del P.C.I.M-L. e Consigliere comunale di Forio del P.C.I.M-L. 

Commenta Stampa
di Gennaro Savio
Riproduzione riservata ©