Provincia / Nola

Commenta Stampa

Festa Tricolore in Città: Nola festeggia l’Unità d’Italia


Festa Tricolore in Città: Nola festeggia l’Unità d’Italia
11/03/2011, 12:03

Uniti da 150 anni. Anche la Città di Nola si prepara a festeggiare l’Unità d’Italia. Ricco ed articolato il programma degli appuntamenti stilato dall’Assessorato ai Beni Culturali dell’Ente di piazza Duomo nel giorno dello storico anniversario.

Ad aprire i festeggiamenti giovedì 17 marzo 2011, alle ore 10.00, un corteo con partenza da piazza Risorgimento guidato dal Sindaco Geremia Biancardi, seguito da consiglieri, assessori, autorità civili e militari oltre che rappresentanze studentesche cittadine di ogni ordine e grado. Per l’occasione sarà presente anche il consiglio comunale dei ragazzi. Il tutto in una spettacolare cornice tricolore con una città addobbata a festa, a cominciare dalla Casa Comunale interamente ricoperta dei colori verde, bianco e rosso.

Nel pomeriggio invece, alle 18.00, presso l’aula consiliare “Lezione Risorgimentale” con il Prof. Francesco Barra, docente dell’Università di Fisciano e, a seguire, dalle ore 20.00, presso la Chiesa del Gesù, un Magnifico Concerto dei “Professori del Teatro San Carlo di Napoli” diretti dal Maestro Angelo Caldarelli.

“Nola attende il 17 marzo. E non solo – ha dichiarato l’Assessore ai Beni Culturali, Maria Grazia de Lucia –. Un anno, il 2011, ricco di ricordi, commemorazioni, festeggiamenti, liriche, concerti, proiezioni. In verità i festeggiamenti per Nola, inserita ufficialmente nel cartellone nazionale, hanno preso il via lo scorso 19 febbraio per poi snodarsi durante l’intero anno con tappe importanti, tra cui non poteva mancare quella del 17 marzo. Il programma, nutrito ed interessante, prevede per la mattinata un corteo accompagnato dalla Banda musicale “Città di Nola” che, attraversando la città, toccherà i punti “strategicamente storici” del centro cittadino, per poi confluire in piazza Duomo. Ad accogliere il corteo sarà una piazza magnificamente allestita, con un pennone gentilmente offerto dal Polo di mantenimento pesante Sud, con un picchetto d’onore che intonerà “il Silenzio” ed infonderà nei presenti il valore della silenziosa commozione, del ricordo dell’eroismo, la speranza di una italianità profondamente sentita. I festeggiamenti proseguiranno poi nel pomeriggio con un convegno nell’aula consiliare, che ricorderà il contributo offerto da Nola nell’ambito del Risorgimento e ancora di sera con i Professori del San Carlo ed il coro, che susciteranno con musiche particolari l’emozione e la fierezza di essere italiani. Nola attende il 17 marzo – ha concluso De Lucia –. Da oggi…6 giorni all’alba !!!”


Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©