Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

Successo per la manifestazione dei Campi Ardenti

Festival delle Ville Flegree, suoni e immagini del mito

Il progetto è stato ideato dall'associazione Manuel de Falla

Festival delle Ville Flegree, suoni e immagini del mito
05/10/2011, 10:10

POZZUOLI (NA) - Dopo il Tempio di Nettuno e Villa Elvira ecco i suoni e le immagini del mito di Pozzuoli a Villa di Livia (domus patrizia del I secolo d.C) che dalla città sommersa, all’arte e al sociale, hanno caratterizzato il quarto ed ultimo appuntamento della prima edizione del Festival delle Ville Flegree. Il Koinè Ensemble, costituito da musicisti di primo piano nel panorama napoletano con la straordinaria voce di Maria Grazia Schiavo (scelta dal maestro Riccardo Muti per il Festival di Pentecoste 2010 di Salisburgo grazie al quale conosce il palcoscenico internazionale), ha commentato con la propria musica i video sui posti più belli dei Campi Flegrei, dando ancora una volta prova di grande professionalità e notevolissima resa artistica. Gli autori dei video e delle immagini che sono state proiettate, Luciano Marini con Pietrovaldo Delle Donne, Sergio Coppola, Dante Manchisi, Emma Cianchi, Enzo Buono con Paolo Lubrano e Giuseppe Gaudino, artisti premiati in diverse manifestazioni, hanno presentato, con i loro filmati, i diversi volti del ricchissimo territorio flegreo. In particolare ricordiamo il regista puteolano Giuseppe Gaudino che, con il suo film “Giro di lune tra terra e mare”, è stato premiato anche al Festival del Cinema di Venezia. Ma ha avuto diversi premi, dal Saint Vincent a quello del Festival di Rotterdam, da quello del Festival di Porto al premio Pasinetti e al premio Cinemavvenire. Di questo film è stato presentato un estratto, a cura di Luciano Marini. Le musiche eseguite sono state tutte composte da Alessandro Petrosino che pone l’attenzione sul territorio dei Campi Flegrei attraverso il recupero dei testi dei marinai del Rione Terra. Fanno parte del repertorio anche una poesia moderna dedicata al Rione Terra e il brano Fantasia Flegrea. Si tratta di musiche che per la prima volta sono state eseguite a commento di una serie di video, tutti dedicati a Pozzuoli.
La degustazione è stata curata dal noto Ristorante Bobò accompagnata dai pregevoli vini doc della cantina della Sibilla di Bacoli. Le installazioni artistiche di Enzo Palumbo e Daniela Morante hanno ancora una volta offerto agli spettatori un’originale punto di vista artistico della loro ricerca. La visita archeologica ancora una volta è stata mirabilmente e professionalmente offerta dall’associazione Nemea grazie alla disponibilità delle dottoresse Andreina Moio, Adele Delicato e Stefania Simeoli. La formula, ideata e organizzata dall’associazione Manuel de Falla, di unire musica, archeologia, arte contemporanea e degustazioni ha avuto grande successo riscuotendo l’interesse di un numeroso pubblico che ha accolto con grande attenzione gli artisti coinvolti nelle diverse serate.

Foto di Enzo Buono

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©