Provincia / Napoli

Commenta Stampa

Fiera di Natale ai Decumani 2013; il buio sopra San Gregorio Armeno


Fiera di Natale ai Decumani 2013; il buio sopra San Gregorio Armeno
29/11/2013, 10:49

NAPOLI - <<Avevamo sognato un Natale ai Decumani 2013 diverso – dichiara Gabriele Casillo, Presidente dell’Associazione Corpo di Napoli – per la 141esima edizione della Storica Fiera di Natale ai Decumani; il Comune di Salerno già da tempo aveva messo a disposizione del Centro Antico di Napoli e quindi di tutta la Città, nuove e più belle installazioni luminose artistiche per rinnovare il gemellaggio culturale con gli artigiani presepiali partenopei rappresentati dall’Associazione Corpo di Napoli – Onlus; San Gregorio Armeno, Piazza San Gaetano e anche una parte di Via San Biagio dei Librai sarebbero stati ulteriormente valorizzati dalle Luci d’Artista appositamente realizzate per quest’evento. La Cattedrale di Napoli avrebbe nuovamente potuto ospitare il Presepe Dipinto del maestro salernitano Mario Carotenuto e l’Ente Ceramica Vietrese sarebbe ritornato a Napoli per esporre le opere dei suoi artigiani più famosi nel mondo. Purtroppo tutto questo non ci sarà; lungaggini burocratiche e forse una scarsa conoscenza della realtà produttiva cittadina rispetto ai tempi della politica ha fatto sì che la Fiera di Natale ai Decumani partisse con un ritardo inconcepibile rispetto alla tradizione consolidata che vuole un Natale lungo con avvio della Fiera già dal ponte dei Morti! Abbiamo sollecitato gli Organi competenti già dal lontano mese di giugno perché si organizzasse nella maniera migliore un evento che nemmeno due guerre mondiali, il terremoto ed altre criticità hanno mai impedito. Napoli con le sue botteghe di arte presepiale  famose in tutto il Mondo, ha sempre attratto milioni di visitatori di cui una buona parte si trasformava in acquirenti, contribuendo all’arricchimento del PILcomunale e regionale. Negli scorsi anni, senza risorse, senza sostegno pubblico e senza sponsor, nel pieno rispetto del principio di sussidarietà, abbiamo dato il  massimo di quello che si poteva fare per valorizzare il Sito UNESCO e le sue eccellenze, generando anche lavoro e prospettive di Futuro per i giovani napoletani; abbiamo apprezzato il gesto di amicizia che il Sindaco di Salerno, Vincenzo De Luca, ha offerto alla Città e l’installazione per la prima volta dopo oltre vent’anni, di impianti luminosi (altro che “luminarie”!) di grande valore artistico, avevano contribuito a recuperare un’immagine deteriorata della nostra amata Città! Speravamo che quest’anno potesse continuare l’operazione recupero immagine e valorizzazione del Sito UNESCO ed invece, giunti al giro di boa della Fiera di Natale, con l’abbandono del Centro Antico a sé stesso, senza controlli adeguati, senza servizi di accoglienza; senza nemmeno un minimo di luci, il bilancio è drammatico: crollo delle presenze turistiche del 45%; calo vertiginoso delle vendite, che nell’economia di centinaia di piccolissime aziende familiari che hanno come unico sostegno proprio la vendita nel periodo della Fiera di Natale (1° novembre - 6 gennaio), significa dover scegliere tra sfamare i propri figli o pagare le tasse che quest’anno proprio sotto Natale con l’aumento intollerabile della TARES costringeranno tante attività commerciali a pensare di calare la serranda! Una Fiera di Natale che poteva rappresentare un argine alla crisi economica, dunque, se ci fosse stato un maggiore impegno istituzionale ed una vicinanza ai problemi reali della Città.Sabato 30 novembre, con un ritardo di circa un mese rispetto alla programmazione tradizionale, in attesa dell’installazione nei Decumani delle luminarie della Camera di Commercio, inaugureremo la 141esima edizione della Fiera di Natale ai Decumani ed alle ore18 tutte le botteghe artigiane di San Gregorio Armeno spegneranno le rispettive luci per 10 minuti! Se l’anno scorso il 9 novembre una folla incredibile festeggiò l’accensione delle Luci d’Artista, quest’anno su San Gregorio Armeno calerà il buio simbolico enon ci auguriamo che le caratteristiche bancarelle degli artigiani stagionali mettano in atto il loro proposito, strozzati dall’aumento insostenibile della tassa di occupazione suolo, di chiudere già da lunedì il loro storico mercato natalizio! Ma se San Gregorio Armeno spegne le luci a Napoli, San Gregorio Armeno festeggerà il suo 141esimo anniversario a Milano, dove domenica 1° dicembre, alle ore 10:30, nella bellissima cupola di vetro di circa 25 mq.appositamente realizzata  dal Comune di Milano, si inaugurerà la mostra di arte presepiale promossa dall’Associazione Corpo di Napoli, dall’Associazione Bottega San Lazzaro e dal Comune di Salerno perché il gemellaggio culturale continua, a dispetto degli intoppi burocratici e della mancanza di programmazione. A Milano, tra le altre opere, di cui daremo maggiori notizie nei prossimi comunicati, sarà esposta una originale statuina in terracotta, realizzata dall’artigiano presepiale Ugo Esposito che raffigura l’emigrante napoletano per eccellenza “simbolo” delle attuali vicende e più famoso nel Mondo:Enrico Caruso, al quale dedichiamo questa 141esima Fiera di Natale>>.  

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©