Provincia / Napoli

Commenta Stampa

Taglialatela. spinta decisiva allo sviluppo della città

Finalmente sblocco della Regione per 570ml da destinare a Napoli

fondi Ue per centro storico, polo fieristico e area est

.

Finalmente sblocco della Regione per 570ml da destinare a Napoli
30/03/2011, 15:03

NAPOLI - A seguito di un estenuante Consiglio Regionale il Presidente Stefano Caldoro e la sua giunta, hanno finalmente e definitivamente sbloccato 576 ml di euro, tutti fondi Europei, da destinarsi a diversi progetti e investimenti che interessano il territorio cittadino. Tale cifra corrisponde quasi a quella che fu bloccata dal Governatore al suo insediamento nel palazzo di Santa Lucia quando verificò tangibilmente gli sprechi e mise un fermo ai finanziamenti sconsiderati.
Le delibere approvate stamane riguardano più specificamente la città e sono a firma dell’Assessore all’ Urbanistica Marcello Taglialatela. In sostanza nel lavoro svolto stamattina dalla giunta, si è praticamente fatta la riprogrammazione dei fondi comunitari. “ Tecnicamente si tratta della formula cosiddetta dei grandi progetti “ dichiara l’ assessore all‘ Urbanistica, “ che ci ha dato la possibilità di non ripassare dalla commissione Ue, dando cosi una decisiva accelerazione per la spesa dei fondi in questione”.
Questa la loro ripartizione: 300ml per Napoli est, 100ml per il polo fieristico e per il Forum delle Culture del 2013, 100ml per il centro storico e 76ml per Bagnoli.“Quanto avvenuto oggi “, prosegue l’ assessore Taglialatela, “ E’ la smentita di quando, al nostro insediamento, fummo accusati ingiustamente di voler bloccare lo sviluppo”. Poi entrando più nello specifico” si tratta di opere infrastrutturali, che daranno al territorio il necessario sostegno allo sviluppo. Finalmente si potrà procedere alla riqualificazione del centro storico, si interverrà poi su Bagnoli con interventi forti in tutto il quartiere, ripristinando infrastrutture già esistenti e costruendone di nuove, inoltre approntando le strade che daranno l’ accesso all’ ex sito Italsider che si appresta ad essere trasformato nel nuovo centro turistico partenopeo.

Commenta Stampa
di Antonio Sarracino
Riproduzione riservata ©

Correlati