Provincia / Castellammare di Stabia

Commenta Stampa

la società si dice ottimista ma intanto investe negli USA

Fincantieri: a rischio l'accordo con Grimaldi


.

Fincantieri: a rischio l'accordo con Grimaldi
24/11/2009, 14:11

CASTELLAMMARE DI STABIA - Prima alla Fincantieri di Castellammare di Stabia c’erano tre clienti: Grimaldi, Finnlines, e Minoan Lineas. Poi Grimaldi ha comprato gli altri due, quindi mentre prima si parlava con tre clienti adesso solo con uno.
Il rapporto tra Fincantieri e Grimaldi infatti sembra un connubio che rischia di saltare o quantomeno che rischia di mettere da parte lo stabilimento stabiese. C'è ottimismo, però, da parte dell'amministratore delegato di Fincantier, Giuseppe Bono, e del presidente di Minoan Lines, Emanuele Grimaldi.
Bono infatti ha affermato che : “con Grimaldi abbiamo una grande familiarità, ha costruito tante navi in Fincantieri, sono convinto che questo tipo di nave che lui ha ideato e noi costruito avrà un grande avvenire. Solo noi al mondo la potevamo costruire con tale velocità. C'è da sentirsi solo tranquilli”
Ma , Fincantieri è si in cerca di commesse, ma al tempo stesso sta investendo decine di milioni di euro oltreoceano nei cantieri americani recentemente acquisiti, mentre ne basterebbero molti di meno per ammodernare uno stabilimento tra i migliori al mondo che costruisce navi da più di due secoli. E poi c'è il Gruppo Grimaldi che si è detto disponibile, qualora dovesse commissionare una nuova nave passeggeri, a rivolgersi direttamente al cantiere stabiese, eppure il Gruppo partenopeo ha deciso di investire nei cantieri navali coreani, cinesi e croati che dovranno fornirgli rispettivamente 14, 6 e 4 imbarcazioni mercantili nei prossimi due anni.
Dunque, forse per tornare a lavorare con continuità bisognerà rinunciare allo spettacolare scivolo (sostituendolo col bacino di carenaggio il cui progetto è al vaglio della Regione Campania), perché aumenta i costi di produzione, forse dovrà terminare la crisi economica, perché non consente agli armatori di commissionare nuove navi, forse il Governo dovrà intervenire con convinzione e metodo, in attesa che Fincantieri torni a camminare con le proprie gambe. Qualsiasi cosa purché lo storico cantiere continui a funzionare

Commenta Stampa
di Mario Aurilia
Riproduzione riservata ©