Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Indagini dei militari dell’Arma, rilevate impronte digitali

Furto al Comune, rubate carte d’identità e denaro contante

Ignoti hanno forzato porte blindate e sventrato 2 casseforti

.

Furto al Comune, rubate carte d’identità e denaro contante
11/02/2014, 13:01

CARINARO – A Carinaro, piccolo centro alle porte di Aversa, ritenuto tra i più tranquilli dell’hinterland, si è consumato un furto ai danni del Comune; furto che è da guinness dei primati. Sottratti valori bollati, ma anche 5mila euro in contanti, centinaia di litri di gasolio dalla cisterna e, soprattutto, più di trecento carte d’identità bianche. Ma procediamo con ordine. Nottetempo, ignoti sono penetrati all’interno della Casa Comunale, attraverso una porta del seminterrato ed hanno preso di mira prima l’ufficio Anagrafe, sito al piano terra, e poi quello della Ragioneria, al piano superiore; in entrambi i casi, indisturbati, hanno forzato prima le porte blindate a protezione dei relativi uffici e poi, con l’ausilio della fiamma ossidrica, hanno sventrato le casseforti all’interno delle quali erano custoditi le carte d’identità, i valori bollati e la cospicua somma in danaro. Dopo aver fatto razzie all’interno degli uffici, i malviventi hanno anche trovato il tempo di svuotare la cisterna contenente il gasolio per l’impianto di riscaldamento. Ad aiutare gli investigatori saranno le impronte rilevate dagli uomini del reparto scientifico dei carabinieri della compagnia di Marcianise, agli ordini del capitano Nunzio Carbone, che conducono le indagini. Un episodio che, comunque, non è nuovo a Carinaro: già 10 anni fa, quando era in carica l’amministrazione Affinito, ignoti si introdussero all’interno del Municipio operando un furto analogo. Sconcertati il primo cittadino, Mario Masi, ed il suo vice, Antonio Turco non soltanto per le modalità di questo furto, ma anche perché nei giorni scorsi era stato approvato l’appalto che, nell’ambito dei lavori di ristrutturazione della casa comunale, prevedeva anche la realizzazione di un impianto di videosorveglianza.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©