Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Entrambe pluripregiudicate, fermate dopo inseguimento

Furto in un’abitazione, arrestate due donne di etnia rom -video

Nelle prossime ore saranno processate con rito direttissimo

.

Furto in un’abitazione, arrestate due donne di etnia rom -video
26/11/2013, 12:54

CASERTA - Nel corso di servizi di controllo del territorio, che nei fine settimana vengono maggiormente intensificati al fine di prevenire e reprimere ogni tipologia di reato ed in particolare i furti che, in tale periodo, tendono ad aumentare, il personale della squadra volante della Questura di Caserta ha tratto in arresto, con l’accusa di tentato furto aggravato in concorso, due donne di etnia rom, pluripregiudicate: Zagorka Nikolic, 40enne, nata in Serbia e domiciliata presso il campo nomadi di Secondigliano; Sabrina Ilic, 22enne, nata in Croazia, e domiciliata presso il campo nomadi di Secondigliano. Questi i fatti: intorno alle 18 di ieri, il personale della Squadra Volante, su disposizione della sala operativa, si portava in via Settembrini, presso un’abitazione privata, per una segnalazione di furto in atto ad opera di due donne, di etnia rom, delle quali veniva fornita dettagliata descrizione somatica e di abbigliamento. Gli agenti, sulla scorta delle indicazioni ricevute, dopo aver constatato che la porta di un appartamento sito al quinto piano presentava evidenti segni di effrazione, si poneva subito alla ricerca delle responsabili del furto, non portato a termine, che immediatamente venivano rintracciate nella vicina via Gemito, mentre tentavano di guadagnare la fuga. Gli agenti, pertanto, provvedevano a fermare le due donne, delle quali: una, con mossa fulminea, appena bloccata, cercava di disfarsi di un grosso cacciavite, facendolo cadere in una vicina siepe; l’altra, sottoposta a controllo, veniva trovata in possesso, all’interno della propria borsa, di diversi arnesi atti allo scasso. Condotte in Questura, dopo le formalità di rito, acclarata la loro piena responsabilità, le stesse venivano tratte in arresto e, su disposizione del pm di turno, trattenute presso le locali camere di sicurezza, in attesa del giudizio per direttissima disposto per le prossime ore.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©