Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Gdf Caserta: sequestro di 10 mila cartoline false


Gdf Caserta: sequestro di 10 mila cartoline false
04/08/2012, 10:59

CASERTA - Il flusso turistico a Caserta aumenta d'intensità nel periodo estivo e con esso cresce davanti alla Reggia il "mercato non autorizzato" organizzato da coloro che esercitano l'abusivismo commerciale di pubblicazioni turistiche e che vede quali principali "clienti" gli avventori del Palazzo Reale, meta di numerosi visitatori.
Un tangibile riscontro all'intensa attività di contrasto al particolare fenomeno, posta in essere nell'ambito delle linee di coordinamento tracciate dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza, è stata l’operazione di servizio portata a termine dai militari della Compagnia di Caserta che, nel corso dei compiti di prevenzione in materia di tutela dei diritti d’autore, attraverso una serie di appostamenti e pedinamenti, hanno individuato una tipografia in Caserta, all’interno della quale sono state rinvenute numerosissime riviste, raffiguranti la Reggia di Caserta ed il borgo medievale di Caserta Vecchia, illecitamente riprodotte.
In tale contesto, le Fiamme Gialle hanno sottoposto a sequestro oltre 10.000 prodotti tra guide turistiche e cartoline illustrate, occultate all’interno del negozio e pronte per essere immesse in commercio, nonché una stampatrice.
È stato accertato che, sebbene il prezzo praticato per la vendita delle guide e delle cartoline abusivamente pubblicate era uguale a quello dei prodotti autorizzati, il titolare della tipografia ometteva di versare alla Soprintendenza dei Beni Culturali per i Beni Architettonici, Paesaggistici, Storici, Artistici ed Etnoantropologici di Caserta l’agio previsto per legge, pari al 12% dell’importo complessivo.
Il rappresentante legale della tipografia è stato, quindi, segnalato alla citata Soprintendenza, competente all’irrogazione della sanzione amministrativa. La riproduzione illegale e la successiva messa in commercio di guide e cartoline illustrative, nonché di libri in genere, rappresenta un fenomeno distorsivo del corretto andamento dell’economia di settore, a cui si aggiunge l’evasione fiscale derivante dalla mancata contabilizzazione dei proventi che ne derivano. L’operazione di servizio svolta dalla Guardia di Finanza costituisce un’ulteriore testimonianza del costante presidio economico-finanziario esercitato dal Corpo sul territorio della Provincia di Caserta, anche per porre freno alla commercializzazione illecita di opere coperte da copyright, in danno delle case editrici.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©