Provincia / Napoli

Commenta Stampa

Gennaro Capodanno:"De Magistris è un salto nel buio"


Gennaro Capodanno:'De Magistris è un salto nel buio'
30/05/2011, 18:05

Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, commenta a caldo il risultato che vede a Napoli eletto alla carica di primo cittadino il candidato dell’Idv, De Magistris. “ Questa tornata amministrativa a Napoli è la Waterloo dei partiti politici, sia di destra che di sinistra – afferma Capodanno -. Ad uscirne sconfitto è sia il centro-sinistra che aveva candidato Morcone che non è riuscito a superare il primo turno, sia il centro-destra che ha visto nel ballottaggio il crollo verticale del proprio candidato “.

         “ Un altro dato del quale bisogna tener conto è il forte astensionismo registrato nel ballottaggio – continua Capodanno -. In pratica un napoletano su due non è andato a votare, non riconoscendosi, evidentemente, in nessuno dei due candidati. Un dato che andrà esaminato dal momento che vi è una profonda forbice tra le diverse municipalità, passando dal 62,7% di votanti registrato nella municipalità Vomero-Arenella, un vero e proprio boom, con un risultato favorevole a De Magistris del 72,28%, in pratica quasi  3 elettori su 4, al 43,22 della municipalità Miano- S.Pietro a Paterno e Secondigliano, dove il candidato dell’Idv raccoglie solo il 56,46%, a testimonianza che l’astensionismo in questo secondo turno ha fortemente penalizzato il candidato di centro-destra “.

         “ De Magistris a conti fatti sarà il sindaco eletto da poco meno del 33% dei napoletani che avevano diritto al voto, avendo rastrellato, secondo i dati provvisori, 264.730 voti sugli 812.450 iscritti nelle liste elettorali – prosegue Capodanno -. Dunque meno di un napoletano su tre si riconosce nel prossimo sindaco di Napoli, che dovrà gestire una situazione straordinaria, con un buco finanziario di notevole portata. In bocca al lupo, dunque, con l’auspicio che da questa batosta possa rinascere un modo di far politica che riavvicini i cittadini alle istituzioni “.


 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©