Provincia / Salerno

Commenta Stampa

Giffoni (Sa). Un servizio per diversamente abili


Giffoni (Sa). Un servizio per diversamente abili
20/09/2012, 16:03

Il Comune di Giffoni Valle Piana – Assessorato alle Politiche Sociali – e il Piano di Zona “Irno-Picentini”, nell’ambito delle iniziative di politiche sociali, hanno programmato il servizio centro socio-educativo diurno denominato “Prisma” rivolto ai cittadini diversamente abili. Il Centro Prisma si rivolge agli utenti che non sono in età scolare, che non sono autonomi nella gestione del proprio tempo e che gravano completamente sulla famiglia o su un singolo parente.

 

Il Centro é aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00 alle ore 17,00 e prevede forme di coinvolgimento e partecipazione degli utenti con le loro famiglie, fino a un massimo 30 utenti. La struttura ha l’obiettivo di svolgere una funzione socio-educativa mirata al recupero di  capacità fisiche ed intellettuali residue del diversamente abile, al fine di migliorare il livello relazionale e il suo inserimento sociale. Per realizzare tale attività viene assicurata l’ospitalità diurna, l’accudimento della persona, il servizio mensa, l’attività di orientamento ed osservazione collaborazione con i Servizi Sociali Territoriali competenti.

 

Il servizio per i diversamente abili è rivolto alle persone che necessitano di socializzazione ed in particolare ai disabili medio-lievi o semi-autonomi e ai diversamente abili d’età compresa tra i 18 e 65 anni con handicap di rilevante entità di tipo psico-fisico e sensoriale. Coloro che sono in possesso dei suddetti requisiti ed intendono partecipare al Centro, dovranno far pervenire apposita istanza (modello di domanda disponibile presso l’Ufficio Servizi Sociali del Comune o scaricabile dal sito www.comune.giffonivallepiana.sa.it), all’Ufficio protocollo generale del Comune di Giffoni Valle Piana, indirizzata all’Ufficio Servizi Sociali, a mano o a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento entro le ore 12.00 del giorno 8 ottobre 2012. E’ prevista una compartecipazione minima dell’utente al costo del servizio per chi supera la soglia della pensione minima, pari a 6076,59 euro, calcolata in base al reddito Isee.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©