Provincia / San Giorgio

Commenta Stampa

Giornate Europee del Patrimonio a San Giorgio a Cremano


Giornate Europee del Patrimonio a San Giorgio a Cremano
23/09/2011, 14:09

San Giorgio a Cremano, 23 settembre 2011 – E’ tutto pronto per le celebrazioni delle Giornate del Patrimonio 2011 in città, con un programma di eventi approvato dalla giunta comunale su proposta del vicesindaco ed assessore alla Valorizzazione delle Ville Vesuviane Giorgio Zinno, che sarà realizzato tra domani e dopodomani con il decisivo contributo della Pro Loco cittadina. Le celebrazioni concludono il programma della prima edizione della kermesse Settembrinvilla.

Si inizia domattina alle 9 in via Pittore, con un’azione di restyling dei piloni dell’autostrada ad opera dell’artista contemporanea Luigi Ruocco. Alle 9.30, al piano Nobile di villa Bruno, l’inaugurazione di una mostra internazionale d’arte contemporanea dedicata a Luca Giordano, con esposizione dei Ghost World e dei Pari e Dispari, a cura di Marco Di Mauro. Dalle 10 alle 13 i cittadini potranno partecipare ad una visita teatralizzata di villa Vannucchi con attori in abiti d’epoca, musiche e balli di corte in costume del XVIII secolo, a cura dell’associazione culturale Nartea. L’appuntamento si ripeterà anche domenica. In villa Bruno, alla stessa ora, sarà effettuato un annullo postale filatelico dedicato alle ville vesuviane di San Giorgio a Cremano a cura di Poste Italiane: c’è tempo fino alle 13 e poi dalle 17 alle 20, anche di domenica. Alle 11 (anche del giorno dopo) partirà da villa Bruno una visita guidata alle ville storiche del territorio, mentre alle 18, nella fonderia Righetti di villa Bruno sarà prima proiettato il cortometraggio “Nella Napoli di Luca Giordano” realizzato dal regista Mario Martone e, a seguire, si terrà un concerto di musica barocca eseguito dal “Trio Barbella”.

Domenica mattina in villa Bruno, alle 11, si terrà un seminario sulle ville vesuviane e su Luca Giordano, mentre alle 18.30 spazio alla rappresentazione teatrale “A’ scampagnata d’e tre disperate” di Antonio Petito, a cura della compagnia teatrale Incontri. A seguire un recital di Daniele Urciuolo.

“Anche a San Giorgio a Cremano, come in tutta Europa, il 24 e 25 settembre avranno luogo le “Giornate del Patrimonio” per favorire la visione e la fruizione dei beni culturali a titolo completamente gratuito. – spiega il sindaco Mimmo Giorgiano - La visione che ispira l’adesione dell’Amministrazione Comunale di San Giorgio a Cremano al progetto del Ministero dei Beni Culturali si articola sui tre principi promossi dal Governo, strettamente correlati tra loro: la cultura quale identità della nostra nazione; tutela ma anche promozione del patrimonio culturale per avvicinare il più possibile i cittadini italiani e stranieri alla conoscenza delle ricchezze artistiche del nostro Paese; primato della valorizzazione nel contesto internazionale di città d’arte, siti archeologici, musei e monumenti. “Cultura” per noi non è una parola vuota, ma un sinonimo di “identità” e “coscienza civile”. Per questo spero che in tanti parteciperete alle iniziative organizzate dal Comune e dalla Pro Loco.”

Per il vicesindaco Zinno “non solo la conservazione dei beni culturali presenti sul nostro territorio, ma anche la loro Valorizzazione e tra gli obiettivi principali del mio assessorato, che intende rafforzare il legame tra i cittadini sangiorgesi ed il loro territorio ma anche garantire la massima fruizione possibile a quanto di bello abbiamo nella nostra città, a partire da veri e propri gioielli come villa Vannucchi, con il suo splendido parco, riaperto nel 2009 dopo elaborati lavori che hanno riprodotto esattamente la pianta settecentesca, e come villa Bruno, vero e proprio palazzo della cultura vesuviana, il cui parco, invece, sarà completamente ricostruito. Tutto questo per fare San Giorgio a Cremano non solo una città della cultura ma anche una città del bello, che possa anche attrarre visitatori provenienti da altre città e regioni.”

“Esprimo – afferma il presidente del Consiglio Comunale Ciro Sarno – il plauso del civico consesso per l’iniziativa lanciata dalla giunta guidata dal sindaco Giorgiano. La valorizzazione dei nostri luoghi più belli è mezzo di sviluppo, anche economico, per la nostra città e crea un circolo virtuoso i cui benefici ricadono su tutto il territorio.”

Le Giornate, fin dalla loro istituzione nel 1954, sono state apprezzate da tutti i cittadini che, attraverso questo momento di grande partecipazione, hanno avuto l’opportunità di conoscere lo straordinario patrimonio culturale europeo. L’iniziativa, nel corso degli anni, ha assunto una tale rilevanza che nel 1999 il Consiglio d’Europa e la Commissione Europea ne hanno fatto un’azione comune, con l’intento di potenziare e favorire il dialogo e lo scambio culturale, al fine di aumentare la consapevolezza dei cittadini nei confronti della grande ricchezza che la diversità culturale genera all’interno dell'Europa. A questa grande festa europea, enti pubblici e privati (compresa la Città di San Giorgio a Cremano) partecipano aprendo gratuitamente al pubblico i propri beni storici, architettonici e monumentali.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©