Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Caserta, a confermarlo il direttore sanitario dell’Ospedale

Giovane pestata dal convivente, prognosi resta riservata

Per tentato omicidio il gip conferma l’arresto per Caliendo

.

Giovane pestata dal convivente, prognosi resta riservata
15/05/2013, 11:38

CASERTA - “Le condizioni di salute di Rosaria Aprea sono sensibilmente migliorate ma la prognosi resta ancora riservata”. A confermarlo, raggiunto telefonicamente, è il direttore sanitario dell’azienda ospedaliera “Sant’Anna e San Sebastiano” di Caserta, Diego Paternosto. Che aggiunge: “Non prima di domani sarà possibile sciogliere la prognosi”. Rosaria, gravemente ferita domenica sera dal fidanzato Antonio Caliendo, colto da un attacco di gelosia, si trova ricoverata al Trauma Center del nosocomio casertano ed è stata sottoposta a due delicatissimi interventi chirurgici: il primo per l’asportazione della milza, l’altro per fermare un’emorragia interna. La ragazza, di 20 anni, domenica sera era tornata a casa sofferente: alla madre Carla aveva detto di sentirsi male, a causa delle botte ricevute dal fidanzato. Scenario di questo pestaggio: Macerata Campania. Intanto, il gip presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Caliendo, che intanto si dice dispiaciuto per l’accaduto, con l’accusa di lesioni gravissime. Poche ore dopo l’aggressione, Caliendo era stato arrestato dagli agenti della squadra mobile, diretta dal vicequestore Alessandro Tocco. Non appena la prognosi verrà sciolta, la polizia, con il pm di Santa Maria Capua Vetere che conduce le indagini, si recherà in ospedale per interrogare Rosaria. Ci sono ancora molti punti oscuri in questa vicenda che vanno chiariti. Ad esempio il luogo dove la ragazza è stata aggredita; probabilmente per strada oppure altrove. La giovanissima, che sognava di diventare miss e che ancora spera di poter entrare nel mondo della moda, domenica era uscita con il fidanzato, con il quale un anno fa ha avuto anche un bambino. Invece l’uomo, pare per futili motivi, ha scatenato tutta la sua violenza sulla giovanissima colpendola ripetutamente con calci all’addome. La storia di Rosaria con Antonio, iniziata due anni fa, è stata spesso contrassegnata da scenate e aggressioni. Due anni fa ad esempio la ragazza si trovava a Pesaro per partecipare ad un concorso per miss quando, all’improvviso, arrivò Caliendo che per gelosia l’aggredì, mandandola in ospedale.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©