Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

Giovani Democratici favorevoli alla legalizzazione delle droghe leggere


Giovani Democratici favorevoli alla legalizzazione delle droghe leggere
21/09/2012, 10:51

POZZUOLI -  Quella della legalizzazione delle droghe leggere è una tematica difficile sulla quale la politica italiana, timorosa cosi com’è da anni, evita accuratamente di aprirne una discussione. Tuttavia la realtà dei fatti impone di farlo:

Il consumo di marijuana e di altre sostanze ascrivibili alla categoria di “droghe leggere” è molto alto, in particolare tra le giovani generazioni, e destinato a quanto pare, a crescere ulteriormente nei prossimi anni come dimostrano le statistiche a livello nazionale.

Questo dato ci spinge ad assumere una posizione sulla questione: noi GD non mostriamo alcuna riserva nel farlo.

La situazione attuale vede la criminalità organizzata godere proprio attraverso il traffico di stupefacenti, di una delle sue entrate principali.

Legalizzare le droghe leggere significa sottrargli parte di un più vasto mercato e cominciare a colpirla duramente.

Quello del narcotraffico è un tema quanto mai attuale soprattutto a livello territoriale,  nel momento in cui si è riaccesa a Scampia la guerra dei clan. A tal proposito ci auguriamo che l’azione del Sindaco De Magistris sulla ormai famosa questione dell’area nord di Napoli sia davvero concreta e non solo propagandistica. Anche il Partito Democratico però ha il dovere di seguire la vicenda e di esprimersi in merito.

Proponendo la liberalizzazione delle droghe leggere il nostro intento non è quello di incentivare il consumo, ma di ridurlo attraverso una gestione controllata e rigorosa da parte dello Stato. Vogliamo impedirne infatti la diffusione anarchica e sfrenata in luoghi come le scuole e le università.

Liberalizzare le droghe leggere significa dunque non solo farne un uso responsabile, ma in taluni casi utile alla comunità come avviene in Toscana e Liguria dove si è approvato recentemente una legge che autorizza l’uso della cannabis a scopo terapeutico. Chiediamo che il Partito si impegni a favorire tale legge anche in Campania, dato che non è tollerabile che tanti malati siano costretti a comprare marijuana dagli spacciatori o coltivarla in proprio, rischiando così il carcere.

Avere una mentalità europeista significa liberarsi da dogmi e pregiudizi superati, che non fanno altro che impedirci di andare avanti nel progresso. I Giovani Democratici di Napoli non hanno timore nell’assumere posizioni nuove sulle quali il Partito a livello nazionale latita per paura di perdere uno zero virgola qualcosa.

Rompiamo gli indugi, il partito si dichiari favorevole a tale proposta e se ne faccia portavoce nelle sedi nazionali, conscio del fatto che legalizzare/liberalizzare si può, trovando forme e metodi atti a contrastare la criminalità organizzata. 

 

Alessandra Di Meo, responsabile diritti civili e legalità GD Napoli.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©