Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Tra i relatori il Commissario Europeo Antonio Tajani

Giovani di Confindustria del Sud, stati generali a Caserta

Unico assente giustificato il ministro Fabrizio Barca

.

Giovani di Confindustria del Sud, stati generali a Caserta
23/03/2013, 12:02

CASERTA - Internazionalizzazione e startup: questo il filo conduttore dell’assemblea pubblica del Comitato Interregionale Mezzogiorno dei Giovani di Confindustria. Assemblea, celebrata al Belvedere Reale di San Leucio, dal titolo “Diamo vita alle idee – GI Sud per favorire nascita e crescita di nuove imprese”. Dopo i saluti del sindaco di Caserta, Pio Del Gaudio, e del presidente di Confindustria Caserta, Luciano Morelli, si è entrati nel vivo dell’incontro: “Idee e best practice per le start up”. Ad introdurre i lavori Carlo Barbagallo, presidente del Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Campania. Nel corso della mattinata è stato anche presentato lo studio “Osservatorio Start up”, realizzato da Srm (Studi e Ricerche per il Mezzogiorno) e introdotto da Salvio Capasso. Il commento e le riflessioni sono state affidate al presidente del Banco di Napoli, Maurizio Barracco, ai vicepresidenti di Confindustria con delega rispettivamente all’Education e al Mezzogiorno, Ivanhoe Lo Bello e Alessandro Laterza; unico assente giustificato, per inderogabili impegni istituzionali, il ministro per la Coesione territoriale, Fabrizio Barca. E ancora. A seguire la testimonianza delle imprese, con Elisa Flazio (Flazio srl) e Francesco Serafino (Remocean spa), e la tavola rotonda su start up e imprenditoria giovanile. A discuterne: Giovanni Bianco, docente presso l’Università degli Studi di Bari, Giovanni De Caro, Atlante Venture, Marco Gay, Presidente GI Piemonte, Amedeo Giurazza, Vertis, Lorenzo Pagliuca, Presidente GGI Basilicata e Comitato interregionale Mezzogiorno GI, Antonio Perdichizzi, Presidente GI Catania. Moderatore, il presidente dei Giovani Imprenditori di Confindustria Caserta, Vincenzo Bove. Le celebrazioni del “2013, Anno della Cultura Italiana negli Stati Uniti” sono state affidate al Console generale degli Usa, Donald L. Moore. Le conclusioni del Presidente Pagliuca, sono state precedute dall’intervento del vicepresidente della Commissione europea, Antonio Tajani.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©