Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

I volontari hanno fatto tappa all'ospedale "La Schiana"

Gli abbracci gratis approdano a Pozzuoli

"Un abbraccio di speranza ai malati di oncologia"

Gli abbracci gratis approdano a Pozzuoli
17/10/2011, 10:10

POZZUOLI (NA) - Grande fervore per l’appuntamento con la giornata nazionale degli abbracci gratis. I volontari di tutta Italia hanno regalato nelle principali piazze del nostro Paese abbracci gratuiti. Ma che cos’è un abbraccio? Nella folle corsa quotidiana fra mille incombenze, questo gesto di pochi secondi sembra troppo impegnativo per compierlo e si finisce per banalizzarlo. “L’energia che si genera in un luogo in cui si regalano abbracci ai passanti è qualcosa di straordinario che solo chi ha vissuto può comprendere – rendono noto gli organizzatori - Ci sono attivisti in tutto il mondo che si organizzano saltuariamente in varie città per regalare abbracci. Spesso molti vorrebbero partecipare ma non possono viaggiare o non sono a conoscenza dell’evento”. L’espressione Free Hugs (in italiano abbracci gratis ndr) si riferisce ad un’iniziativa sociale sorta a Sydney, in Australia, ed in seguito diffusasi in molte città del mondo. A Sydney i free hugs esistono almeno dal 2004, ma l’evento ha acquisito visibilità internazionale soprattutto nel 2006, grazie ad un video musicale che è stato diffuso in tutto il mondo tramite YouTube.
Ad essere protagonista di questa importante iniziativa di portata internazionale è stata anche la “capitale” flegrea. A Pozzuoli sono arrivati, infatti, "gli abbracci gratis". L’appuntamento si è tenuto sulle sponde del lago d’Averno; ma non è stata l’unica tappa per i volontari, che hanno deciso di raggiungere anche i reparti più difficili dell'ospedale "Santa Maria delle Grazie", in località La Schiana. Alle 13.00, infatti, i dispensatori di abbracci puteolani hanno fatto visita ai malati del reparto di oncologia. “La nostra idea - ha affermato nei giorni precedenti l'organizzatore flegreo, Carmine Cacciapuoti - è quella di abbattere barriere che si sono create tra noi esseri umani. Quando siamo per strada non ci salutiamo nemmeno, in questa giornata, invece, ci abbracceremo anche con gli sconosciuti. Assicuro che è un'emozione fortissima abbracciare una persona estranea. Inoltre vogliamo portare anche un abbraccio di speranza a tutti i malati del reparto oncologia di Pozzuoli. Un gesto che serve a riconoscere che noi siamo esseri umani e gente che deve recuperare un po' di umanità”.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©