Provincia / Torre del Greco

Commenta Stampa

Smaltivano acque reflue nelle fogne comunali

Guardia costiera sequestra 5 autolavaggi a Torre del Greco

Operazione portata avanti con i Carabinieri e l'ASL NA 3 Sud

Guardia costiera sequestra 5 autolavaggi a Torre del Greco
17/02/2011, 13:02

TORRE DEL GRECO - Il Nucleo Operativo Difesa del Mare della Capitaneria di Porto di Torre del Greco, alle dipendenze del Comandante Francesco Cimmino, unitamente ai Carabinieri del Servizio Navale di Torre del Greco, agli ordini del Comandante Luogotenente Vincenzo Amitrano, e all’ A.S.L. Napoli 3 Sud, hanno svolto nelle ultime settimane un’intensa azione di contrasto a difesa dell’ambiente. L’attività di questi giorni prende l’avvio dai controlli già eseguiti lo scorso anno, che portarono al sequestro di un autolavaggio cittadino, che smaltiva i fanghi provenienti dal ciclo di lavaggio senza autorizzazione. Così i militari operanti, dopo un’attenta e preordinata azione di intelligence, hanno pianificato mirati interventi presso le stazioni di autolavaggio del comprensorio torrese, che hanno portato, fino ad oggi, ad un totale di sette impianti controllati, dei quali cinque posti sotto sequestro penale, poi convalidati dalla competente Autorità Giudiziaria. Difatti, la task-force, ha accertato che le acque reflue provenienti dal ciclo di lavaggio confluivano direttamente nella fogna comunale, senza alcuna autorizzazione e in mancanza di qualsivoglia preventiva depurazione, per giungere poi in mare, con tutta la loro pericolosa carica di tensioattivi e sostanze dannose per l’ecosistema marino. Alcuni impianti ispezionati, seppur muniti della necessaria autorizzazione, scaricavano le acque reflue industriali nell’ambiente, evitando il ciclo di depurazione attraverso  valvole by-pass.
Intanto, l’impegno posto a tutela dell’ambiente marino dalla Guardia Costiera e dai Carabinieri del Servizio Navale di Torre del Greco proseguiranno la loro azione di vigilanza e controllo anche nei prossimi giorni.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©