Provincia / San Giorgio

Commenta Stampa

“Herzog lettere, letture in cartapesta e altre affinità”, un progetto artistico di Claudio Cuomo in villa Bruno


“Herzog lettere, letture in cartapesta e altre affinità”, un progetto artistico di Claudio Cuomo in villa Bruno
08/06/2011, 10:06

San Giorgio a Cremano, 8 giugno 2011 - Presso la biblioteca comunale in Villa Bruno sarà inaugurata sabato 11 alle ore 17.30 la mostra “Herzog lettere, letture in cartapesta e altre affinità”, un progetto artistico di Claudio Cuomo in mostra fino al 25 giugno 2011. Nel corso del vernissage interverrà Bruno Fermariello. L'evento sarà arricchito da un reading curato dal regista e attore Costantino Punzo.

Dall'11 al 25 giugno 2011 Claudio Cuomo, dunque, invaderà lo spazio della biblioteca con acrilici, lavori in cartapesta e lettere, illustrando Herzog, uno dei romanzi più noti del premio Nobel (1976) Saul Bellow. Herzog, professore universitario con due matrimoni falliti alle spalle avvia una catarsi della propria vita attraverso la scrittura. Scrive a tutti, amici, parenti, ex mogli, scienziati, presidenti, dottori, avvocati, uomini pubblici, scrive ai vivi ma anche ai morti, scrive a se stesso e anche a Dio, riempiendo le pagine di frustrazioni, delusioni, rabbia, domande esistenziali. E' da questo esercizio di scrittura forsennato, che ben si sposa con il luogo che ospiterà la mostra, una biblioteca, che prende il via il progetto di Cuomo.

“La mia intenzione è di illustrare ma anche di ripetere l'esercizio esplosivo, sedimentato come lava e poi e-ruttato in lettere di Hezog – dichiara Cuomo - un'operazione che voglio fare rappresentando lo stesso Herzog tra i miei lavori in cartapesta e i miei acrilici e invitando le persone a scrivere delle lettere che faranno parte dell'installazione”. Hanno inviato lettere: Anna, Alessandro Casola (attore ed autore teatrale), Vincenzo Cortese (autore Fantasy), Domenico de Falco (giovane autore), Ylenia Faiella (promotrice culturale), Valerio Iermano (artista e curatore di eventi d'arte), Carlo Improta (artista, scrittore e gallerista), Lula, Agata Mancini (da Roma), Denis Pascon (artista di Trento), Daniela Sanseverino (promotrice culturale), Mario Scippa (antiquario e scrittore), Serena.

“Cuomo rivede e riesamina nelle sue cartapeste simboli e personaggi della letteratura ironica ed esistenzialista di Bellow, il cui carattere emerge con nuovo vigore tra le pieghe multiformi delle carte incollate – dichiara Oriana Russo, curatrice dell'evento – l'artista ci permette così di sottolineare quanta vitalità risiede nei libri che custodiamo tra gli scaffali della nostra biblioteca.” Cuomo, al pari di Bellow, costruisce i propri personaggi con una profondità di carattere tutta intrisa di amara ironia, ne è esempio la folla di personaggi che invade la sua bottega di via San Nicola a Nilo, in pieno centro storico a Napoli. L'artista, diplomato in pittura all’Accademia di Belle Arti di Napoli, è un maestro nell’arte della cartapesta che tende sempre verso nuove soluzioni. Cuomo parte dalla carta per sperimentare nuove soluzioni espressive, nuove spazialità, nuovi equilibri solidamente precari, dall'incontro tra la carta, la colla e le sue mani nascono personaggi caratterizzati da una leggerezza dinamica profondamente espressiva.

L'evento rientra nell’ambito del programma di animazione bibliotecaria promosso dall’Amministrazione Comunale di San Giorgio a Cremano attraverso l'Assessorato alla Biblioteca guidato da Luigi Velotta con l'ausilio dell’associazione Lineadarco che ne supporta l’organizzazione dei servizi bibliotecari.

Da circa tre anni l'Amministrazione Comunale, con il supporto di Lineadarco, ha intrapreso un percorso di valorizzazione della Biblioteca Comunale ed ampliamento dei servizi, affiancando alla razionalizzazione dei servizi più noti (prestito, reference, catalogazione) un programma culturale ed artistico che ha inteso stimolare a trecentosessanta gradi i frequentatori. Attraverso seminari tematici, mostre d'arte, reading, laboratori didattici, performance teatrali e musicali, la biblioteca è stata presentata come centro culturale attivo e sempre aperto ad accogliere nuovi interessanti progetti.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©