Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

Il prete della Concattedrale andrà al Rione Toiano

I fedeli di Monterusciello salutano don Angelo Falzarano


I fedeli di Monterusciello salutano don Angelo Falzarano
30/08/2010, 13:08

In occasione del trasferimento di don Angelo Falzarano alla parrocchia San Michele, ubicata nel Rione Toiano, la comunità di San Paolo di Monterusciello saluta il suo pastore mediante una lunga e commovente missiva. Al contempo i fedeli della concattedrale offrono il proprio benvenuto al nuovo parroco.
Tutta la comunità San Paolo si sente partecipe e vuole condividere con il nostro parroco questo triste momento di distacco e dì sofferenza reciproca in Gesù e soprattutto esprimergli, di vero cuore gratitudine e un sentito ringraziamento per il bene che egli ha fatto alla nostra comunità e quello che continuerà a fare con la sua instancabile e costante opera di evangelizzazione presso la parrocchia di San Michele Arcangelo al Rione Toiano.
La permanenza di don Angelo durata sei anni e mezzo è stata una nuova primavera. Egli ha fatto rinascere e rivivere la nostra difficile parrocchia, con il supporto dei suoi più stretti collaboratori: vice-parroco, suore, seminaristi e laici impegnati. I frutti raccolti nella vigna del Signore sono evidenti e apprezzati da tutti e dal nostro devotissimo vescovo e dalla curia diocesana. Rispettiamo, seppure con rammarico, la decisione di S.E. monsignor Gennaro Pascarella. Nell' amarezza e nello sconforto della tua partenza, ci conforta il fatto che tu rimanga a Pozzuoli ed abbia fatto di tutto per costruire un rapporto di accoglienza reciproca, di rispetto e di affetto ovvero operato una saldatura o forte condivisione tra i due più importanti quartieri: Monterusciello e Toiano che hanno vissuto e vivono tuttora la loro fede, anche attraverso una forma o sorta di gemellaggio. Questi rioni, con l’espansione degli abitanti, in seguito agli eventi calamitosi, sono diventati parti integranti della nostra città e le loro radici e origini affondano nella rocca millenaria del Rione Terra e nel centro storico (cuore della città). Le feste parrocchiali annuali di San Paolo che, oltre ad avere una notevole rilevanza di carattere liturgico-religioso, sono state un punto di riferimento per il quartiere, a livello socio-culturale, per la consistente partecipazione delle persone e quindi la sua funzione aggregativa e per avere creato momenti di divertimento, di svago e l’importanza dello stare insieme. Hai migliorato l’indispensabile servizio d’ordine e di accoglienza che è stato molto gradito per le celebrazioni ed eventi straordinari (vedi seminari, convegni, sinodo e quant’altro). Infatti, abbiamo ricevuto elogi, da parte di tutti per la fattiva collaborazione al servizio dei gruppi parrocchiali e, per il parroco e tutti noi è stato un motivo di orgoglio, di soddisfazione. Hai voluto fortemente istituire il delicato ed ottimo servizio dei ministranti. Hai prodotto, oltre alle celebrazioni liturgiche, la caritas, fornendo il sostegno alimentare e morale per 80 famiglie, nonché il centro di ascolto per svariate problematiche socio-familiari. Sei stato particolarmente sensibile per le feste per gli anziani, soprattutto persone diversamente abili con gravi patologie, ai quali hai assicurato il conforto e l’Eucarestia, sino a casa attraverso il prezioso servizio dei ministri ausiliari straordinari. Ti sei adoperato per il sostegno alle attività oratoriali giovanili, quale vivaio, risorsa spirituale e futuro per la nostra parrocchia, alleviando i loro notevoli disagi, specialmente esistenziali, legati anche ai problemi che attanagliano il quartiere. Nella tua conduzione è migliorato il servizio della corale, sempre sensibile e attenta alle celebrazioni. Così come hai esortato il servizio decoro per la pulizia e la bellezza della chiesa e degli ambienti. Il delicato ed importante servizio svolto dalle catechiste che, tu hai voluto guidare per la formazione e preparazione dei sacramenti, anche con corsi e seminari esterni. Sei stato impegnato ed attivo, con spirito di servizio, in questa realtà abitativa a rischio ed hai sostenuto con le altre parrocchie, Santa Maria degli Angeli e Sant’Artema, tutte le iniziative prodotte nel campo sociale, quali petizioni e richieste, da parte delle associazioni presenti sul territorio, al fine di richiamare la dovuta attenzione delle istituzioni, affinché si scongiurasse che Monterusciello diventasse un ghetto o solo un dormitorio, ma migliorare sempre la qualità della vita dei cittadini credenti e non credenti attraverso la necessaria manutenzione, per la sicurezza e la vivibilità del quartiere. Ti sentiremo sempre vicino e ti ricorderemo con infinito affetto, come eccellente guida spirituale. Il nostro Dio voglia sempre sostenerti don Angelo e mettere una lampada al tuo piede per far luce sul tuo sentiero ed illuminarlo nel tuo impegnativo cammino pastorale. La comunità ti vuole un mare di bene, ti manifesta tutto l’amore che meriti e ancora ti vuole ringraziare per quello che ci hai dato ed insegnato attraverso le tue belle, ricche ed efficaci omelie, le catechesi, l’adorazione eucaristica, le feste parrocchiali e i valori cristiani che testimoniano la vera fede, l’amore e le opere concrete. Ci hai ridato la speranza e la gioia cristiana. Sei stato un’iniezione di fiducia e di incoraggiamento per tutti e per aver curato la formazione delle coscienze e la crescita della nostra comunità, in questa terra di missione e di frontiera, dove imperversano degrado, abbandono e imbarbarimento. La catechesi che è stata un laboratorio di fede ha dato spunti, riflessioni ed approfondimenti spirituali. Ti promettiamo di pregare per te pe per le nostre comunità, affinché il Signore possa dispensare doni, carismi e varietà di ministeri per essere strumenti di amore nella concordia e nella pace, secondo lo spirito e lo stile sinodale (un cuor solo - un’anima sola). Tu ci hai insegnato il senso e la sostanza della nostra esistenza cristiana, il sentimento di amore e di amicizia che abbiamo coltivato ed esercitato e tu don Angelo ci tenevi molto all’amicizia vera e sincera, quale autentica ricchezza, soprattutto è stata la preghiera a caratterizzare insieme alla catechesi la tua azione pastorale. Che la pace, l’amor di Dio e la salute siano sempre con te e con il nuovo parroco don Giorgio della Volpe, al quale diamo il benvenuto e facciamo i nostri più sinceri auguri di buon lavoro missionario e pastorale
”.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©